Resta in contatto

News

Pellegrini: “Quarto posto? Sarebbe un’assurdità non arrivarci”

Parla il centrocampista giallorosso in vista del match contro il Torino

Il centrocampista azzurro, Lorenzo Pellegrini, è stato intervistato dall’emittente satellitare “Sky Sport” sull’imminente ritorno della Serie A, che vedrà la Roma protagonista sabato contro la squadra di Mazzarri.

Riparte il campionato
“Sicuramente dobbiamo fare meglio del girone d’andata e ne siamo consapevoli. Per arrivare tra le prime quattro dobbiamo fare meglio”

Quali aspetti tecnici regala la sfida con il Torino?
“Sarà una sfida bella e non verranno qui a fare una passeggiata. Saranno carichi e vorranno fare la partita. E’ importante per tutti vincere. Noi anche vorremmo vincere più di loro anche perché siamo in casa”

Sul quarto posto
“Sicuramente non è a rischio, perché nonostante le difficoltà nel girone d’andata io sono fiducioso. Credo che possiamo arrivare al nostro obiettivo ed entro le prime quattro. Sarebbe un’assurdità non arrivarci. Dobbiamo fare meglio del girone d’andata e vincere le partite per tornare dove dovremmo essere. Abbiamo superato gli ottavi di Coppa Italia e trovato un’ottima atmosfera nonostante l’appeal non fosse dei migliori”

Sul ruolo di trequartista
“Siamo noi tre per un posto. Io sono a disposizione del mister. Ho provato con l’Entella a fare il mediano e mi sono trovato bene, anche se sono più libero quando gioco alto. In questo momento farei anche il terzino per la mia squadra”

Cosa cambia nel giocare da trequartista o da mediano?
“La cosa che apprezzo di più del trequartista è che non si deve pensare troppo alla tattica mentre il mediano ne ha più necessità perché deve fare da schermo e non far trovare buchi in mezzo al campo. Finché lo farò cercherò di abituarmici”

Chi osservi di più dei centrocampisti in Europa?
“Mi ha colpito tantissimo Modric quando abbiamo giocato con il Real.

Quando senti in tv che il tuo nome accostato al Psg, cosa pensi?
“Non penso a nulla e spengo la tv, prendo la macchina e vado a Trigoria”

Sull’essere capitano
“Rappresentare la propria città e i propri colori è una responsabilità bellissima e un grande onore. Avere la fascia al braccio nella propria città è un qualcosa di più rispetto alle altre parti. Lavoro con la società per crescere”

Se dovessi decidere se arrivare tra le prime quattro, vincere la Coppa Italia e tornare in semifinale di Champions, cosa sceglieresti?
“Arrivare tra le prime quattro è un obiettivo, ma non sarebbe la mia scelta. Ci siamo posti come obiettivo arrivare in finale di Coppa Italia. Vorrei però ripetere la semifinale di Champions per la gioia dei tifosi. Vedere la Roma giocare la semifinale è un’emozione incredibile. Contro chiunque fosse”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News