Resta in contatto

News

Larsson: “La Roma ha una grande squadra. Se il gruppo è solido si può ripetere l’esperienza dell’anno scorso in Champions

L’ex giocatore svedese: “Olsen? Non sono sorpreso che stia facendo bene, è un portiere molto affidabile e lo sta dimostrando”

Henrik Larsson, ex giocatore svedese, campione d’Europa con il Barcellona nel 2006, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo:

Henrik, qual è il suo pensiero sull’attuale Champions League?

Penso che siano molte squadre a poter sognare di alzare la Champions, come il Liverpool, il City e la Juventus. Queste sono le mie favorite, ma sono certo che ci saranno alcune sorprese, come accadde lo scorso anno con il Liverpool e la Roma.

Ha citato la Roma: può, secondo lei, ripetere quell’exploit?

Tutto è possibile, ha un’ottima squadra, ha un grande attaccante come Dzeko. Lo scorso anno vedevo un gruppo solido. Se si ripetessero quelle condizioni, allora ci potranno essere ottime possibilità per fare un cammino del genere.

Qual è il suo giudizio su Robin Olsen? A Roma ha raccolto un’eredità pesante lasciata da un fuoriclasse come Alisson.

Non sono sorpreso di quanto stia facendo, ha un grande carattere, ha un fisico straordinario. E’ migliorato nel gioco coi piedi, ha nella continuità il suo pregio migliore ed ero sicuro che avrebbe giocato così bene in una squadra come la Roma. Lui è un portiere molto affidabile e lo sta dimostrando.

Cosa pensa di Forsberg e Lindelof? Crede possano essere dei profili da campionato italiano?

Lindelof è al Manchester United, può esprimere da un momento all’altro le grandi qualità che ha, gioca in un club importante ed è certamente in grado di poter giocare anche in Serie A. Sta avendo qualche difficoltà, ma sono certo che si riprenderà. Forsberg è un giocatore estremamente tecnico, quest’anno è stato vittima di qualche incidente e non sta ripetendo le prestazioni delle passate stagioni, ma anche Emil sarebbe un elemento perfetto per il campionato italiano.

Ora che sta facendo Henrik Larsson?

Ho fatto l’allenatore all’Helsingborg, ho collaborato come assistente all’Angelholm, spero di poter ricoprire presto il ruolo di primo tecnico in una squadra che me ne dia la possibilità.

Qual è il suo sogno?

Quello di allenare club che un giorno possano giocare in competizioni europee.

Che fine hanno fatto i suoi capelli?

Avevo i dreadlocks, ne ero molto orgoglioso, ma li ho tagliati tanti anni fa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News