Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Atalanta-Roma: i numeri impietosi del secondo tempo dei giallorossi

Le statistiche della seconda frazione di gioco, in cui i bergamaschi hanno schiacciato la squadra di Di Francesco

Quarantacinquesimo minuto. Calvarese decreta la fine della prima frazione di gara: Atalanta-Roma 1-3. I bergamaschi sono tornati in partita con la rete di Castagne poco prima del duplice fischio dell’arbitro, ma i giallorossi sembravano comunque in grado di portare a casa i tre punti, visto il gagliardo primo tempo. Niente di più sbagliato. Nella ripresa la squadra di Di Francesco è stata surclassata dai nerazzurri di Gasperini, che sono riusciti ad arrivare al 3-3, hanno sbagliato un calcio di rigore con Zapata (sul 2-3) e sono andati pure a un passo da quella che sarebbe stata una clamorosa vittoria con un colpo di testa di Pasalic. Nel secondo tempo si è giocato solo nella metà campo giallorossa.

I numeri del secondo tempo

Nei secondi 45′, come mostrano i numeri di ASRomaData, la Roma non ha mai centrato lo specchio della porta difeso da Berisha. Sono invece 11 (di cui addirittura 8 dall’interno dell’area) i tiri dell’Atalanta nel secondo tempo 3 nello specchio, 4 fuori e 4 bloccati. Ci sono pure 2 grandi occasioni da gol per i nerazzurri, entrambe non sfruttate. Anche il dato del possesso palla è impietoso: 67% per i padroni di casa, 33% per i giallorossi.

La certificazione di una Roma schiacciata e incapace di uscire dalle briglie dell’aggressività nerazzurra nella seconda frazione arriva anche dallo zero nella casella dei calci d’angolo battuti, mentre l’Atalanta ne ha calciati 3. Inoltre, sono 396 i passaggi effettuati dagli uomini di Gasperini (91% riusciti) contro i 163 della Roma (73% riusciti). Ultimo, ma non per importanza, il numero dei duelli: 34 contrasti vinti dagli atalantini (di cui 11 aerei), 29 dalla Roma (di cui 5 aerei).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti