Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Primavera, De Rossi: “Era una partita fondamentale, abbiamo concesso troppo”

Il tecnico della primavera giallorossa”I ragazzi sono dei professionisti a tutto tondo, rispettano tutti e a volte non sono rispettati, ma questa è un’aggravante per chi non ci rispetta”

Al termine della partita della primavera della Roma, persa contro il Chievo per 4-3, il tecnico Alberto De Rossi ha rilasciato alcune dichiarazioni all’emittente Roma TV: “Abbiamo subito troppo sotto la nostra porta, siamo stati poco lucidi, bravi loro a colpirci. Nel primo tempo abbiamo avuto poca lucidità sotto entrambe le porte, nella ripresa abbiamo fatto una buona partita. Oggi sono successe tante cose, quando perdiamo c’è qualcosa che ci piace lo stesso: i ragazzi hanno avuto un comportamento ineccepibile, mi è piaciuto l’atteggiamento, di altro non mi è piaciuto niente, ma ci può stare. Dobbiamo fare esperienza. Abbiamo concesso tanto, era una partita fondamentale, probabilmente l’abbiamo sentita meno che in altre occasioni, alcune situazioni hanno determinato il risultato. I ragazzi sono dei professionisti a tutto tondo, rispettano tutti e a volte non sono rispettati, ma questa è un’aggravante per chi non lo fa;accettiamo tutto con molta grinta ma con molta serenità. I nostri ragazzi sono straordinari: noi li formiamo, siamo l’unica squadra ad aver presentato la lista di Youth League con 33 giocatori su 40 nati e cresciuti nel nostro settore giovanile, è un record a cui si avvicina solo l’Ajax. Ora testa al Napoli, ci mancherebbe, non ci ferma niente e nessuno. Possiamo perdere ma ci rialzeremo, ci prenderemo una giornata di riposo e poi lavoreremo per migliorare dove siamo più carenti”,

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera