Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 19 marzo 1996: il compleanno amaro di Carletto Mazzone e la sconfitta contro lo Slavia Praga (FOTO/VIDEO)

Nel giorno del suo 59esimo compleanno, l’allenatore della Roma esce sconfitto dall’Olimpico contro lo Slavia Praga: la sconfitta, immeritata, arriva a 7 minuti dalla fine

Il 19 marzo è un giorno dal gusto agrodolce per i colori giallorossi: in questa data, nel 1937, nasceva Carletto Mazzone, romano e romanista D.O.C. che ha reso iconica la sua passione per questi colori. Purtroppo però il 19 marzo è anche il giorno di RomaSlavia Praga, una partita che forse più di tutte descrive cosa significa essere romanisti. Nel ritorno dei quarti di finale di Coppa Uefa, la Roma, allenata proprio da Mazzone, cerca il miracolo per ribaltare il 2-0 dell’andata. I giallorossi ci credono, complice anche un Olimpico strapieno e una coreografia da brividi: un immenso  “NON MOLLEREMO MAI” si staglia per tutto lo stadio, da curva a curva.

Con queste premesse la partita può solo essere spettacolare. E in effetti così sarà, anche se tutto si consuma nell’ultima mezz’ora: al 60′ la Roma trova il gol della speranza con Moriero, che da fuori area scaraventa in porta la palla per il vantaggio giallorosso. Poi è capitan Giannini a prendere sulle spalle la Roma e provare a scrivere la storia. A 8 minuti dalla fine, il Principe trova la spizzata vincente di testa su punizione di Carboni, l’Olimpico esplode, la Roma c’è. Negli ultimi minuti, al cardiopalma, la Roma spinge ma senza andare oltre al 2-0; arriva il fischio finale, si va ai supplementari. I 30 minuti extra sono pura follia: al 99′ un giovanissimo Totti inventa un passaggio per Moriero, che arrivato davanti a Stejskal, lo beffa portando la Roma sul 3-0.

Lo stadio è una bolgia, la Roma non solo ha recuperato lo svantaggio, ma è anche passata in vantaggio, ormai la qualificazione è ad un passo. Ma purtroppo, come nei sogni più belli, arriva sempre qualcuno che ti ridesta dal sonno e ti riporta con i piedi per terra. Quel qualcuno si chiama Vavra, e al 114′ il ceco insacca il gol del 3-1, spegnendo i sogni di un intera città. La Roma esce sconfitta, in lacrime, distrutta fisicamente e psicologicamente. Ma la partita, anche se dolorosa, resta a detta di tutti, una delle più belle ed emozionanti della competizione europea.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord