Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Mezzacapo ha scelto di non parlare. Accusato di corruzione e traffico di influenze

“De Vito non ha ruoli decisionali”

Il giorno dopo essere stato arrestato, davanti al gip, in sede d’interrogatorio di garanzia, l’avvocato Camillo Mezzacapo ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere,ma ha voluto fare dichiarazioni spontanee per cercare di respingere, almeno in parte, le accuse che lo hanno portato in carcere. Giovedì scorso ha raccontato di essere stato sottoposto a una sorta di «estorsione» a scopo pubblico da parte dell’assessorato all’Urbanistica del Campidoglio.

«Un’estorsione della pubblica utilità», dice, in relazione a un progetto a cui stava lavorando. Il legale sostiene che dal Comune, per superare un preavviso di diniego relativo alla costruzione di un albergo a Trastevere, avevano chiesto, per velocizzare le pratiche,di realizzare opere di urbanizzazione aggiuntive e di destinare un piano dello stabile all’amministrazione. Il verbale è stato depositato in vista dell’udienza del Tribunale del riesame, prevista il 3 aprile.

Mezzacapo è accusato di corruzione e traffico di influenze insieme all’ex presidente del Consiglio comunale, Marcello De Vito, per avere incassato tangenti destinate al politico da 4 imprenditori: Luca Parnasi, i fratelli Claudio e Pierluigi Toti, e Giuseppe Statuto. Al gip Maria Paola Tomaselli racconta di conoscere De Vito da tempo, «quasi 20 anni, abbiamo studiato insieme». Mezzacapo sostiene che De Vito non avesse un ruolo decisionale: «È un personaggio pubblico, ma di quelli che tagliano i nastri, non aveva poteri». Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa