Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

L’Avversario, il Cagliari spensierato di Maran: la salvezza è una formalità ma il progetto è in costante crescita (FOTO)

Dal mercato al campo, il Cagliari di Carli e Maran stupisce la Serie A

All’Olimpico, nella sfida di domani ore 18, arriva il Cagliari di Maran. La formazione sarda attualmente occupa la 10a posizione in classifica e l’obiettivo salvezza è ormai una formalità. Nell’arco del campionato i rossoblù hanno ottenuto 10 vittorie, 10 pareggi e 13 sconfitte in 33 giornate realizzando 32 reti e subendone 44 (media inglese -12) per un totale di 40 punti.

Il Cagliari cambia volto con il mercato invernale

Nel mese di Gennaio, il ds del Cagliari Marcello Carli, ha effettuato una vera e propria rivoluzione nella rosa, mettendo a disposizione di Mister Maran diverse alternative per dar vita anche a nuove soluzioni tattiche. Pellegrini ( di proprietà della Roma) e Cacciatore hanno rinforzato le fasce esterne del club sardo che, proprio come volontà di Maran, da Febbraio ad oggi sono state autentiche protagoniste della corsa alla salvezza dei sardi.

Non solo, la rivoluzione sul mercato invernale ha colpito anche la parte centrale del campo dove Oliva, Ionita, Bradaric, Cigarini e Deiola stanno fornendo un apporto fondamentale nel club rossoblù. Da poco è recuperato anche Castro e l’arrivo di Birsa va a completare la pericolosità sulla trequarti offensiva. In avanti con Pavoletti punta di diamante e un ottimo Joao Pedro, sono arrivate anche le qualità geniali di Despodov e l’esperienza di Thereau.

Modulo dinamico, statistiche e ultimi incontri

Questi rinforzi dal mercato permettono a Maran di costruire una squadra dinamica e mutevole dal 4-4-2 al 4-3-3 o anche al 3-5-2. Un avversario che ha letteralmente cambiato pelle rispetto al girone d’andata, conquistando punti preziosi e permettendogli di affrontare questo finale di campionato con leggerezza e spensieratezza. Un peso in meno certo, ma la voglia di stupire del club sardo non è poca.

A testimoniare ciò, basta osservare le ultime sei partite di campionato in cui il club sardo ha perso solamente in casa contro la Juventus per 0-2. Tra le pareti amiche ha poi vinto 2-1 contro la Fiorentina, 2-1 contro la SPAL, 1-0 contro il Frosinone. Fuori casa un netto 0-3 ai danni del Chievo e un pareggio per 1-1 in casa del Torino.

Nel corso della stagione in corso in 36 appuntamenti ufficiali tra Campionato e Coppa Italia hanno siglato 35 gol con una media 11.3 tentativi a rete a partita. Il possesso palla medio è inferiore al 50%, a cui però si contrappone un buon 79.1% di passaggi riusciti. Squadra sostanzialmente abile di testa, visto che vincono mediamente 23.3 contrasti aerei a partita. Squadra fortemente indisciplinata, sono ben 80 i cartellini gialli e 8 le espulsioni in questo campionato. Segno comunque di un Cagliari aggressivo e lottatore su ogni pallone.

La formazione anti-Roma

Come anche anticipato dagli amici di calciocasteddu.it, questa è la situazione in casa Cagliari in vista del match con la Roma: “Rolando Maran, per la trasferta contro la Roma, recupera elementi preziosi. Innanzitutto, è la difesa a beneficiare dei ritorni di Cacciatore, Pellegrini e Pisacane. Il primo ha smaltito totalmente gli acciacchi: la fascia destra sarà sua. Così come sull’altra corsia riconquisterà il posto Luca Pellegrini. Il romano torna dopo il turno di squalifica, come il citato Pisacane e Barella. 

Assente Faragò, fermato dal Giudice Sportivo, Maran dovrà quindi scegliere la mezzala destra titolare. In ballottaggio Simone Padoin e Alessandro Deiola, con il “Talismano” in vantaggio per esperienza e duttilità. Per il resto, Nicolò Barella occuperà la casella del trequartista dietro a PavolettiJoão Pedro. Questo è il quadro che potrebbe comporre l’allenatore del Cagliari, completato da CragnoCeppitelli e Ionita. Sempre che non si verifichino novità”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti