Resta in contatto

Edicola

L’Edicola, la rivoluzione di Ranieri parte dalla difesa. Il club attende una risposta da Conte

Tutta la rassegna stampa in un click

IL CORRIERE DELLO SPORT – L’ultima suggestione arriva dalla Francia. Ieri infatti L’Equipe ha ipotizzato un futuro di José Mourinho proprio alla Roma con tanto di contratto triennale già delineato. Un elemento è sicuro in questi faccenda, Luis Campos.

LA GAZZETTA DELLO SPORT – «Sono arrivato al Genoa che avevo 11 anni, ma la prima volta che entrai a Marassi ero ancora nel passeggino, con mio padre e mio fratello. Quello stadio per me è sempre stato fantastico». Ogni volta che ricorda i primi passi Stephan El Shaarawy torna ai primi giorni in rossoblù. Vissuti sugli spalti, prima di sbarcare in campo. Oggi il Faraone tornerà per la settima volta da avversario nello stadio che per primo lo ha coccolato e lanciato nel grande calcio. 

8.2.2019 GINOMANCINI :: Chievo vs Roma (Serie A) Sport; Calcio;
Nella foto: El Shaarawy esulta
(Foto Gino Mancini)

È vero, c’era la semifinale di ritorno di Champions League con il Liverpool, la speranza di ribaltare il 5-2 di Anfield Road e inseguire un’altra serata storica come quella vissuta pochi giorni prima contro il Barcellona. Quel 2 maggio James Pallotta non poteva certo perderselo. Sta di fatto, però, che da quel giorno a Roma non ci è più venuto.

Se qualche mese fa gli avessero detto che avrebbe potuto raggiungere quota 100 clean sheet in carriera a Genoa con la Roma, in una partita chiave per la Champions, probabilmente Antonio Mirante avrebbe sorriso.

IL CORRIERE DELLA SERAUn solo gol subito nelle ultime 4 partite, tre vittorie e un pareggio. Il primo obiettivo, cioè quello di ridare equilibrio alla squadra, Ranieri lo ha raggiunto: adesso l’inversione di tendenza è evidente merito del tecnico testaccino. Tra i calciatori rivitalizzati è tornato Federico Fazio, che con Di Francesco sembrava allo sbando.

IL MESSAGGERO – Tutti gli indizi portano al rinnovo, ma per la certezza bisognerà aspettare il faccia a faccia di metà settimana tra Andrea Agnelli e Max Allegri. La dirigenza bianconera ha accarezzato il sogno Guardiola, ma Pep non si muove. La conferma di Allegri chiuderebbe un’altra porta a Conte. 

La Roma si è rimessa miracolosamente in corsa, con qualche risultato positivo. Vincere a Genoa, al di là dei discorsi teorici (ma fino a un certo punto) vale tanto e per Ranieri sarebbe la svolta all’ultimo bivio o, come dice lui, al curvone.

IL TEMPO – Servirà altro tempo per sbrogliare il nodo Conte. L’allenatore non ha preso alcun impegno per il futuro, nonostante il forte pressing dei tanti club, tra cui la Roma. Al momento la prima scelta del tecnico è quella di lavorare in Italia. 

Novanta minuti fondamentali per rimanere aggrappati al treno Champions. La Roma oggi scenderà in campo con il Genoa sapendo già quale sarà il risultato di Lazio-Atalanta. A Trigoria si augurano un passo falso degli orobici, attualmente quarti in classifica a più uno sopra i giallorossi. 

LA REPUBBLICA – La corsa per il quarto posto e quella contro il tempo per avere Conte. Arrivare in zona Champions è ormai un’ossessione per Ranieri, che vuole lasciare la panchina della Roma compiendo una mini-impresa. Il tecnico è consapevole che l’ossessione della gente è invece solo Antonio Conte.

Un anno fa di questi tempi era la prima città d’Italia per punti in classifica e aveva entrambe le squadre tra le prime quattro. Oggi invece Roma è precipitata dietro a Torino e Milano e attualmente non ne qualificherebbe nemmeno una alla prossima Champions.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola