Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 18 maggio 2008: illusione scudetto per i giallorossi e il Catania resta in A (VIDEO)

I giallorossi sono Campioni d’Italia per un quarto d’ora, ma il gol di Ibra e il pareggio di Martinez chiudono i giochi

Campioni d’Italia, ma solo per un’ora e un quarto. Tanto è passato dal gol di Vucinic a quello di Ibrahimovic. Poi la Roma, a scudetto ormai perso dopo il raddoppio dello svedese al Tardini, viene raggiunta dal Catania sull’1-1. Martinez risponde a Vucinic. Un gol, quello del peruviano, che sancisce la permanenza in Serie A dei siciliani.

C’è Mirko Vucinic, il montenegrino che si è preso sulle spalle l’attacco della Roma dopo l’infortunio di Totti. Dopo un avvio caratterizzato da un Catania molto concentrato e aggressivo, Vucinic gela lo stadio rossazzurro con una giocata sontuosa: se ne va sulla destra, evita l’intervento di Sabato e Stovini per concludere alle spalle di Bizzarri con un diagonale rasoterra. Colpo da biliardo: 1-0 per la Roma. I risultati provenienti dagli altri campi forse non arriveranno alle orecchie dei romanisti in panchina, ma sicuramente sono ben noti ai tifosi presenti al Massimino: il Catania sa di dover rimediare al vantaggio dell’Empoli sul Livorno e prova a reagire. Molto nervosismo, ma anche tanto cuore. E due azioni pericolose: Martinez sfiora il pareggio di testa, Tedesco costringe Doni al miracolo. Si va all’intervallo con la squadra di Spalletti in vantaggio. E con l’Inter che fa 0-0 a Parma.

Il Catania inizia la ripresa come aveva finito il primo tempo. Ma al 17′ l’Inter va in vantaggio a Parma e per la Roma diventa difficile restare concentrata. Il Catania, che dal gol di Ibrahimovic non può trarre alcun giovamento se non quello di veder diminuire le motivazioni della Roma, spinge ancora di più. E’ la volta di Martinez sfiorare il gol in rovesciata, ma Doni deve superarsi soprattutto su Morimoto, che lo chiama all’intervento con un colpo di testa. Il giapponese, un minuto più tardi, centra ancora la traversa dopo l’indecisione di Panucci. Sembra una maledizione: più sfortunato di così, il Catania non potrebbe essere. Poi, al 34′, arriva la notizia del raddoppio di Ibra che chiude il campionato della Roma.

Al 40′ fa centro Martinez risolvendo una mischia in area, la rete è valida: 1-1, esplode il Massimino e i siciliani sono salvi. La Roma non spinge più, Saccani fischia la fine al 45′. La gioia del Catania contrasta con l’amarezza della Roma. Ma la stagione dei giallorossi resta straordinaria.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Amarcord