Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 13 giugno 1984: la Roma vince 3-1 a Torino e ipoteca la finale di Coppa Italia

I giallorossi espugnano il campo del Torino dopo tre anni e ipotecano la finale

Il 13 giugno 1984, due settimane dopo la sconfitta con il Liverpool nella finale di Coppa dei Campioni, la Roma scende in campo a Torino, sponda granata, per la semifinale di andata di Coppa Italia.

Il campo è ostico, la Roma non vince in trasferta col Torino da tre anni. La squadra di Liedholm parte subito forte e Bruno Conti la porta in vantaggio con un gran destro al volo dopo solamente 6′ di gioco. Il Torino, comunque, gioca meglio per tutto l’arco della gara ma, nonostante l’assedio, la Roma va sullo 0-2 al 50′ grazie alla rete messa a segno da Strukelj. I granata rientrano subito in gara: al 55′ Selvaggi accorcia le distanze. Il forcing dei granata però non porta a nulla, Schachner spreca diverse occasioni da rete e la Roma punisce con il terzo gol (79′), il secondo di giornata di Strukelj. Nel finale, Graziani va vicinissimo all’1-4: il gol dell’ex non arriva a causa della traversa. La Roma ipoteca la finalissima contro una tra Bari e Verona, le due protagoniste dell’altra sfida.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il mio primo vero amore... un sogno vederlo sulla panchina della Roma come allenatore"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido la mia offerta di prestito. Offro di 5000 ha 200 000 000 € un interessato del 3% per anno e-mail:..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Amarcord