Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 17 giugno 2001. La Roma è campione d’Italia per la terza volta nella sua storia (VIDEO)

La Roma batte il Parma 3-1, grazie alle reti di Totti, Montella e Batistuta. A fine partita il terreno dell’Olimpico esplode, inondato dai tifosi giallorossi

Il 17 giugno del 2001 la Roma tornava ad essere Campione d’Italia dopo ben 18 anni. Oggi, a 18 anni da quella data, cosa rimane? Sembra quasi fatto apposta che oggi, un giorno impresso nei cuori di tutti i tifosi giallorossi, arrivi la conferenza stampa di addio di Francesco Totti, uomo simbolo di quello scudetto. 18 anni fa Roma festeggiava i suoi eroi, beniamini che ancora oggi vengono portati in trionfo nelle menti dei romanisti. Ecco, forse solo nelle loro di menti, perché a giudicare dalla trasformazione che sta avvenendo all’interno della nostra Roma, sembra che il passato sia un qualcosa che vada eliminato, non glorificato.


Noi, o almeno chi scrive (n.d.r.) la pensiamo diversamente: per noi Francesco Totti sarà sempre il capitano della Roma, di quella Roma capace di strappare dal petto dell’acerrimo nemico il tanto agognato tricolore. Capace di far ritornare Roma giallorossa, da nord a sud, da est a ovest. Quel 17 giugno di 18 anni fa non vincevano solo quegli 11 calciatori in campo, vincevamo noi, vinceva la nostra storia. Fatta di alti e bassi, di gioie e di dolori, ma sempre arricchita da quel giallorosso, che in molti casi è stato quel “quid” in più nelle giornate più buie. 18 anni fa i gol di Totti, Montella e Batistuta, regalavano alla Roma una vittoria meritatissima, sofferta, sia dai tifosi sia da chi quella squadra l’aveva messa in piedi, con fatica e sudore.

Al fischio finale il manto verde dell’Olimpico si colorò del giallo e del rosso delle bandiere, delle sciarpe e delle maglie di migliaia di tifosi che si riversarono ad acclamare quei giocatori, capaci di avverare il sogno più grande: tornare a vincere. E ora? 18 anni dopo, cosa resta di tutto questo? Forse solo i ricordi; che nessuno, però, potrà mai toglierci.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il mio primo vero amore... un sogno vederlo sulla panchina della Roma come allenatore"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido la mia offerta di prestito. Offro di 5000 ha 200 000 000 € un interessato del 3% per anno e-mail:..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Amarcord