Resta in contatto

Amarcord

AmarcorDerby, Lazio-Roma 0-3: Balbo, Cappioli e Fonseca stendono i biancocelesti (VIDEO)

I giallorossi guidati da Mazzone battono i cugini in un derby emozionante

Il 27 novembre 1994 si giocò allo Stadio Olimpico di Roma uno dei derby più emozionanti della storia recente giallorossa.
La squadra di Carlo Mazzone, nonostante un buon organico, arriva nettamente sfavorita dai pronostici alla sfida con la più quotata Lazio di Zeman: Boksic, Casiraghi e Signori spaventano e agitano la vigilia in casa Roma.

Ma come spesso la storia del derby ha insegnato, arrivare alla gara con i favori del pronostico non sempre si rivela vantaggioso: quel giorno in campo c’è solo la Roma. Giallorossi immediatamente in vantaggio con Balbo, servito da Fonseca con un cross dalla destra. Il raddoppio arriva al 25′: una serpentina di Moriero sull’out di destra, mando sul fondo dal tocco di Balbo, trova Cappioli in piena area, che con un tocco sotto morbido supera Marchegiani. Il sigillo al trionfo giallorosso è di Fonseca nella ripresa: assist al bacio di Giannini con il mancino e il tocco di testa dell’uruguaiano è a colpo sicuro.

Si scatena la festa all’Olimpico al 90′: il protagonista è Carlo Mazzone che vola sotto la Sud per ricevere l’affetto della sua gente. La Roma ha vinto e tanto di quella vittoria è suo.

Lazio (4-3-3): Marchegiani 6, Negro 4, Favalli 4,5 (56′ Cravero 5,5), Di Matteo 5,5, Bergodi 5, Chamot 4,5, Rambaudi 5, Fuser 5, Boksic Sv (11′ Casiraghi 5,5), Winter 5,5, Signori 5.
A disp: Orsi, Bacci, Venturin
All. Zeman

Roma (4-3-3): Cervone 6,5, Aldair 7 (82′ Benedetti Sv), Lanna 7, Piacentini 7, Petruzzi 7,5, Carboni 7, Moriero 7,5 (67′ Annoni Sv), Cappioli 7, Balbo 8, Giannini 7,5, Fonseca 8.
A disp: Lorieri, Maini, Totti
All. Mazzone

Marcatori: 2′ Balbo, 25′ Cappioli, 51′ Fonseca

Arbitro: Boggi
Espulso: 54′ Negro per fallo di reazione

 

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord