Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mkhitaryan, piedi brasiliani e cuore italiano pronto a far male

La storia di un campione giramondo, arrivato a Roma per stupire

La vecchia foto del campione con il piccolo tifoso è un classico. Ma quella di Youri Djorkaeff con Henrikh Mkhitaryan, scattata circa 20 anni fa, è molto di più perché dentro ci sono la storia di un’amicizia tra due famiglie (il padre Hamlet Mkhitaryan fu aiutato dall’ex Inter per arrivare a giocare in Francia, ndr), la diaspora, il talento e la sofferenza. L’ex Borussia intanto pensa all’Italia, visto che ha firmato con la Roma, si è sposato vicino a Venezia dove con Al Bano ha cantato “Felicità”-“Volare” e questa sera affronterà proprio la Nazionale Azzurra con la maglia della sua Armenia.

Lui è carico per oggi: “Pronto a segnare contro di loro il mio terzo gol nelle qualificazioni, vogliamo dimostrare di poter arrivare all’Europeo“. L’infanzia di Mkhitaryan non è stata facile, con i continui spostamenti e la morte del padre, rimase in Armenia fino ai 20 anni, ma quando ne aveva 13 trascorse quattro mesi a San Paolo in Brasile, dove in uno stage affinò la propria tecnica e imparò il portoghese. I suoi idoli erano Djorkaeff, Zidane e Kakà. La sua carriera calcistica ha avuto una bella escalation: prima la gavetta allo Shakhtar, poi la consacrazione al Borussia Dortmund ed infine gli alti e bassi in Premier League con Manchester United e Arsenal.

Tutte queste esperienze in giro per l’Europa hanno plasmato un uomo assist che ha ancora diversi anni buoni davanti. A maggio non ha potuto giocare con i Gunners la finale di Europa League visto che si giocava a Baku in Azerbaijan, paese in guerra con l’Armenia per il Nagorno Karabakh: quindi non ottenne il visto e rimase a casa a guardare i compagni perdere la finale contro i Blues. E pensare che l’anno prossimo a Baku si giocheranno ben quattro partite dell’Europeo e l’Armenia è ancora in piena corsa per qualificarsi. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa