Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Karsdorp preso di mira dai tifosi del Feyenoord: “Sono ragazzi tristi, me lo dicano in faccia”

Il terzino olandese ex Roma: ” Sono tornato perché lo volevo tanto. Volevo indossare la maglia del Feyenoord. Sono veramente a terra”

Tornato al Feyenoord in estate, Rick Karsdorp sta attraversando un momento complicato. L’ex terzino giallorosso, infatti, è stato preso di mira dopo la sconfitta in Europa League contro Glasgow Rangers:

“I fischi li posso anche capire – ha detto l’ex Roma a VTBL -. Se perdi capisco la delusione dei tifosi e capisco che si punti il dito su di me se sbaglio. Grida, gesti, dito medio, va bene tutto, ma alla fine della partita ti vengo a parlare. Forse non lo devo fare , ma sono un ragazzo emotivo. Dopo che ho chiarito per me è tutto finito. Ma i messaggi in posta con minacce non li accetto. Questi patetici ragazzi sono seduti con il loro cellulare a scrivere. Farebbero molto meglio a venire agli allenamenti e a dirmelo in faccia. Non che io voglia fargli qualcosa. Ma questa gente deve lasciare in pace la mia famiglia”.

Durissimo l’attacco del terzino, che continua: “Su di me possono dire tutto, ma non su la mia famiglia. Io spero che questa storia finisca. Sono tornato perché lo volevo tanto. Volevo indossare la maglia del Feyenoord. Sono veramente a terra” ha concluso Karsdorp. Il classe 1995, è tornato in Olanda in prestito secco dalla Roma per cercare il riscatto dopo due stagioni difficili. Ma dopo la lite (poi chiarita) con il tecnico Jaap Stam, è già il secondo episodio negativo che è costretto ad affrontare. Il compagno di squadra Botteghin gli ha pubblicamente mostrato la sua vicinanza: “Si sta andando troppo oltre. Ho parlato con lui oggi, ovviamente è ancora molto deluso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News