Resta in contatto

Rassegna Stampa

Petrachi si difende: perseguitato da Cairo

Un’ora e mezza di interrogatorio

Accuse, difesa e contrattacco a voce altissima. È stata un’audizione animata quella di Gianluca Petrachi, chiamato ieri in Procura Figc per chiarire la sua posizione rispetto all’indagine aperta dopo le sue dichiarazioni in sala stampa a Trigoria: dicendo di avere trattato con l’Inter “a maggio” per Dzeko, in sostanza ha ammesso di aver lavorato per la Roma quando era ancora sotto contratto con il Torino.

Sarebbe una violazione del regolamento dei direttori sportivi che implica una squalifica di diversi mesi. Il ds salentino ha riepilogato tutte le tappe del tormentato distacco dal Torino, ha mostrato i documenti che testimoniano le sue dimissioni presentate a maggio alla fine del campionato e la risoluzione del contratto, con tanto di rinuncia agli stipendi, firmata da Cairo solo a fine giugno.

Petrachi considera il comportamento del presidente granata una vera e propria guerra personale, chiusa solo dopo che Cairo ha ottenuto i Primavera Bucri e Greco dalla Roma per liberarlo. Il dirigente romanista spera nella difficile archiviazione e al momento non punta al patteggiamento, possibile sia prima sia dopo l’eventuale deferimento al Tribunale Federale Nazionale. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa