Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 8 novembre 1978: nasce Julio Sergio, “il terzo portiere più forte al mondo”

Compie 41 anni il portiere dello scudetto sfiorato nel 2010

L’8 novembre 1978 nasce a Ribeirao Preto Julio Sergio Bertagnoli. Cresciuto calcisticamente in Brasile, nel suo Paese, Julio Sergio inizia nel Botafogo e poi girovaga per la Nazione: Sertaozinho, Francana, Malucelli, Comercial, Santos (dove vince due campionati), Juventude e America-SP.

Su segnalazione dell’ex centrale giallorosso Antonio Carlos Zago, che nel 2001 ha vinto lo scudetto nella Capitale, nel gennaio 2006 Julio Sergio viene preso in prova a Trigoria e successivamente tesserato. Nelle prime tre stagioni in giallorosso non viene mai impiegato (con Spalletti che lo definisce “Il miglior terzo portiere del mondo“), ma diventa protagonista nel 2009/2010. Nella seconda giornata di campionato, contro la Juventus, visti gli infortuni di Doni e Lobont e le prestazioni di Artur, Spalletti decide di schierarlo titolare. Nonostante la sconfitta per 1-3 e le dimissioni del mister toscano, il portiere brasiliano resta titolare anche con Ranieri e chiuderà la stagione con 30 presenze e il rimpianto dello scudetto sfiorato. Da segnalare la grandissima parata su Mauri nel derby del 6 dicembre 2009 (vinto dalla Roma con una rete di Cassetti, il punteggio era ancora di 0-0) e il rigore parato a Floccari nella stracittadina di ritorno (18 aprile 2010), quando la Lazio conduceva 1-0 (derby vinto 2-1 dai giallorossi grazie a una doppietta di Vucinic). A fine anno rinnova con i capitolini fino al 2014.

Nella stagione successiva è fermato però da un infortunio che rimarrà negli occhi dei tifosi giallorossi: quasi allo scadere della partita in casa del Brescia (persa 2-1), subisce un colpo alla caviglia sinistra, ma avendo Ranieri terminato le sostituzioni, Julio Sergio rimane stoicamente in campo piangendo disperatamente per il gran dolore appoggiandosi al palo. Con l’arrivo di Montella perde il posto in favore di Doni e chiuderà il 2010/2011 con 19 presenze. L’anno dopo, la prima Roma americana, non rientra nei piani della società e viene mandato in prestito al Lecce: in Salento gioca 10 gare a causa di un infortunio al legamento crociato del ginocchio destro.

Tornato a Roma, il club lo mette fuori rosa dandogli il permesso di recarsi in Brasile. Il 4 dicembre 2013 rescinde il contratto con i giallorossi. Attualmente ha intrapreso la carriera di allenatore.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Colui che ha rappresentato tutto ... l'amore della mia vita per il calcio e per questa squadra..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Il mio primo vero amore... un sogno vederlo sulla panchina della Roma come allenatore"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido la mia offerta di prestito. Offro di 5000 ha 200 000 000 € un interessato del 3% per anno e-mail:..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Il solo capitano degno di Agostino"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Grande Barone! Iniziai allora a tifare la Roma, per la sua zona totale e quel genio di Falcao!"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Amarcord