Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Florenzi divide il ct e la Roma: “Per la Nazionale è importante”

Persone vicine al giocatore assicurano che non ci sono screzi con Fonseca

Mancini ha parlato molto di Florenzi durante la conferenza stampa, una dimostrazione di stima che stride con il ruolo nelle ultime settimane alla Roma:

Florenzi non è un problema, si è riposato, sarà più fresco, sia per queste partite che per l’Europeo. Sa fare diversi ruoli e sa giocare. E’ una pedina molto importante per la Nazionale“. Queste parole hanno reso raggiante il giocatore che a Coverciano ha scherzato con tutti. Non è felice di questa situazione, ma è sempre stato propositivo, non gli era mai successo di essere così ai margini della prima squadra nella sua esperienza romanista.

Persone vicine al giocatore assicurano che non ci sono screzi con Fonseca. Il tecnico ha fatto capire che in questo momento non lo vede ed ecco perché in estato è stato preso Zappacosta e in quel ruolo è stato adattato Spinazzola.

Florenzi sta aspettando soltanto il momento giusto per dimostrare all’allenatore che si è sbagliato. Farà di tutto per fargli cambiare ideaMancini, intanto, ha deciso che lo farà giocare, certe gerarchie si rispettano e il romanista non ha mai deluso. Si comporta da professionista e soffre da tifoso. Nelle difficoltà si carica, ma tutti si deciderà nella prossima settimane con la finestra di mercato a gennaio che potrebbe risolvere i suoi problemi. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News