Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Simplicio: “Fuzato è forte, può diventare il primo. Pochi brasiliani alla Roma? Giocare in Italia non è facile”

Parla l’ex centrocampista

Fabio Simplicio, ex centrocampista di Roma, Parma e Palermo, è intervenuto ai microfoni di TeleRadioStereo per parlare del panorama brasiliano:

Prima convocazione in nazionale per Fuzato.
“Fuzato è un ragazzo che ha giocato in Brasile ed era già nel giro della nazionale giovanile, è arrivato in Italia con qualche difficoltà ma alla fine si è riuscito a fare un grande colpo con la Roma e alla fine di portarlo nella nazionale maggiore. E’ un bravo portiere e quando lo vedrete in campo capirete che non sto dicendo bugie. Si può meritare anche il primo posto in campo”.

La Roma è sempre stata piena di brasiliani, ora c’è solo Juan Jesus. E’ perché non ci sono più grandi giocatori o è passata la moda?
“Di talenti ce ne sono parecchi e lo vediamo anche con Rodrigo in Spagna o Vinicious Jr. Il problema è che costano tanto e per valori non sono giusti per la Roma. C’è stato Gerson ma non è andato tanto bene, ora in Brasile si parla per lui di nuovo della nazionale. E’ cambiato tantissimo, come Gabigol che ora è capocannoniere. Qui in Brasile è diverso, giocare in Italia non è facile. I ragazzi devono imparare a giocare in Serie A e hanno bisogno di tempo, potrebbero essere importanti ma non sono riusciti a dimostrarlo”.

Joao Peglow?
“E’ molto bravo, ma non c’è solo lui. C’è anche Gabriel Veron, una bestia”.

Pedro della Fiorentina?
“Ha avuto qualche problema fisico qui in Brasile ma è un giocatore completo, è molto bravo, forte di testa. In Italia può fare bene”.

Il calciatore brasiliano più forte dopo Neymar oggi?
“Rodrigo è davvero forte e secondo me può raggiungere il livello di Neymar, anche Vinicious è tra i giocatori che possono esplodere”.

Ci sono altri giocatori brasiliani che potrebbero arrivare alla Roma prossimamente?
“Stiamo lavorando, c’è Bruno Henrique che non è giovanissimo che fa coppia con Gabigol che è davvero molto molto forte. Ha saltato la nazionale perché sono stati chiamati solo i giocatori che giocano in Europa ma la prossima convocazione sicuramente ci sarà. Fa la seconda punta e ha una velocità incredibile”.

Pepè?
“Bravo bravo, non è titolare assoluto ma è fortissimo. Un altro giocatore che arriverà in Nazionale, come anche Everton, Antony del San Paolo, Lincoln del Flamengo. Ci sono tanti giocatori che la Roma potrebbe cercare”.

Ma quanto costano questi giocatori?
“Per noi in Brasile costano tanto ma in Europa possono essere acquistati facilmente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News