Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 2 marzo 2003: la Roma batte l’Empoli nella memoria di Alberto Sordi (VIDEO)

Gli uomini di Capello passano in svantaggio, ma Totti e Montella trascinano la squadra alla vittoria finale. Doppietta per l’areoplanino

Il 2 marzo del 2003 la Roma vinceva allo stadio Olimpico contro l’Empoli dell’ex tecnico giallorosso Mazzone. I giallorossi non vivono un momento positivo: confinata a metà classifica, la squadra deve risalire la china anche in ottica derby, prossimo incontro in campionato. Oltre a ciò la Roma è chiamata ad onorare la memoria di un grande romanista: il 24 febbraio, solo pochi giorni prima, l’Italia intera piange la scomparsa di Alberto Sordi, icona unica di romanità e romanismo. La squadra di Capello però parte male, e dopo solo 11 minuti si trova costretta a rincorrere a causa del gol di Di Natale. Lo stesso giocatore sarà sostituito poco dopo, lasciando spazio ad un giovanissimo Marco Borriello. La Roma inizia uscire dal torpore, e al 30′ Totti trova il gol del pareggio: Emerson crossa al centro per Montella, Berti chiude lo specchio ma non riesce a trattenere il pallone che finisce sui piedi del numero 10, che insacca.

Il secondo tempo si apre con una Roma determinata a ribaltare il risultato a suo favore. Al 49′ Samuel vede l’inserimento di Candela, che gioca di sponda e serve Montella, che sigla il vantaggio giallorosso. La Roma non demorde e, al 68′ arriva anche il gol del definitivo 3-1: ancora una volta è Emerson a dare il pallone giusto in area, dove Montella salta più in alto di tutti infilando la porta toscana per la seconda volta in giornata. La Roma vince e convince, ma la strada da fare per tornare ai fasti di un tempo è ancora tanta.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord