Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Caos calendari, Juve e Inter in grande difficoltà: la situazione

Quasi impossibile trovare date libere

Calendari, adesso è rischio caos. Il rinvio a data da destinarsi delle gare di ritorno delle semifinali di Coppa Italia (Juve-Milan sicura, per Napoli-Inter manca soltanto l’ufficialità) congestiona ulteriormente il calendario. Soprattutto per Juve e Inter. Diventa difficile, se non impossibile, trovare date libere per inserire tutte le partite.

Se venissero confermate le anticipazioni, la Juventus, lunedì 9 dovrebbe giocare contro l’Inter (a porte chiuse). Poi venerdì 13 a Bologna, martedì 17 con il Lione in Champions League, sabato 21 con il Lecce. Poi ci sarà la pausa per le nazionali.
In aprile sabato 4 Genoa-Juve, poi doppio impegno (eventuale Champions e campionato) o doppio turno di Serie A settimanale fino a fine mese. Anche a maggio tra campionato, eventuale Champions e Coppa Italia le date sono esaurite. Se non ci sarà un’eliminazione europea, qualcosa dovrà slittare oltre i limiti previsti dall’attuale calendario, armonizzato con gli impegni della Nazionale di Roberto Mancini.

Per l’Inter, che già non vorrebbe giocare contro la Juventus prima di avere recuperato il match contro la Sampdoria, rischia di essere ancora peggio. Se contro i bianconeri giocherà lunedì, poi giovedì 12 dovrà affrontare il Getafe in Europa League, pochi giorni dopo impegno contro il Sassuolo e giovedì 19 il ritorno contro il Getafe.
Marzo si completerebbe con il match contro il Parma, prima della sosta nazionali. Se andasse avanti in Europa, in aprile e maggio la squadra di Conte dovrebbe giocare praticamente ogni tre giorni. Al momento, quindi, è impossibile ipotizzare dove inserire il recupero con la Sampdoria e la semifinale di Coppa Italia. Lo scrive Gazzetta.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News