Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Serie A a porte chiuse: ecco le gare della Roma senza tifosi (TWEET)

Nessun appuntamento contro la Sampdoria la prossima settimana, i giallorossi torneranno in campo per la gara contro il Siviglia, per ora a porte aperte

Il nuovo decreto legge diramato per l’emergenza Coronavirus ha confermato il prosieguo del campionato, ma a porte chiuse fino al 3 aprile. In attesa dell’ufficialità sul nuovo calendario di Serie A, l’ipotesi più probabile è che questo slitti di una settimana, concedendo così in questo week end di recuperare le partite non disputate nelle scorse giornate.

La Roma è una delle poche squadre che ha disputato regolarmente tutte le gare come da calendario, ma il prossimo fine settimana sarà costretta a fermarsi. La Sampdoria infatti recupererà il match con il Verona e affronterà i giallorossi il weekend successivo. La prossima gara che dovrebbe attendere la squadra di Fonseca sarà così la trasferta di Siviglia in Europa League, match che potrebbe anche giocarsi a porte chiuse in base alle disposizioni delle autorità sanitarie spagnole (ma il club spagnolo per il momento ha comunicato di non avere indicazioni in merito). Poi, in attesa che la Lega faccia chiarezza sugli orari, il gruppo romanista avrà la gara di campionato con Ranieri, il ritorno con gli andalusi, la trasferta di San Siro contro il Milan. Salvo nuove disposizioni, i tifosi potranno tornare all’Olimpico il weekend del 4-5 aprile con l’Udinese.

12/03 Siviglia-Roma
15/03 Roma-Sampdoria (Olimpico a porte chiuse)
19/03 Roma-Siviglia ore 21.00 (Olimpico a porte chiuse)
22/03 Milan-Roma (San Siro a porte chiuse)

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News