Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 13 marzo 2011: la Roma vince il derby grazie alla doppietta di Totti (VIDEO)

Il capitano mette a segno entrambi i gol su calcio piazzato: il primo è una splendida punizione, il secondo un calcio di rigore. La Lazio finisce in 9

Il 13 marzo del 2011 la Roma vinceva il derby grazie alle reti del capitano Francesco Totti: i giallorossi di Vincenzo Montella cercano di accorciare le distanze dalla Lazio, quinta in classifica. La partita parte è subito accesa, con la Roma che a più riprese tenta di trovare il gol del vantaggio. La partita resta in equilibrio fino al 70′, quando Totti, da calcio di punizione, sblocca il risultato mettendo a segno una punizione potentissima su cui Muslera può solo restare a guardare. 1-0 per i giallorossi.

La gara si infiamma e all’87’ Radu colpisce Simplicio con una testata, procurandosi il rosso diretto. La Lazio, in inferiorità numerica, cerca di riaprire la partita, ma invano: al 90′ arriva il calcio di rigore per la Roma, per fallo su Simplicio che viene atterrato in area di rigore. La Lazio resta rimedia un altro cartellino rosso, questa volta a lasciare il campo è Ledesma. Da dischetto parte Totti che, tanto per cambiare, infila la palla nella porta biancoceleste, sancendo la vittoria della Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord