Resta in contatto

News

Di Lorenzo (Pres. IRBM Pomezia): “Stiamo lavorando sul vaccino anti-Covid, siamo a buon punto” (AUDIO)

Le parole del presidente dell’IRBM

Intervenuto sulle frequenze di Teleradiostereo, Piero Di Lorenzo, presidente dell’IRBM di Pomezia ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Dai nostri laboratori nel 2015 uscì il vaccino anti Ebola, venne prodotto in milioni di dosi. Adesso siamo a buon punto, stiamo lavorando sul vaccino contro il Covid, portando avanti questa collaborazione con lo Yenner Institute della Oxford University, fondamentale nello studio del virus. Lo Yenner Institute già a dicembre, quando i cinesi hanno isolato e sequenziato il virus, ha sintetizzato immediatamente il gene della proteina Spike, che è la proteina del Coronavirus, cioè la parte cattiva per intenderci, quella contagiosa. I ricercatori dello Yenner hanno potuto sintetizzare subito questo gene della proteina del Covid. Dieci anni fa, ad esempio, hanno messo a punto il vaccino anti-MERS. Ora questo gene della proteina Spike, sintetizzato e quindi depotenziato, deve essere inoculato nell’organismo umano, e qui siamo intervenuti noi dell’IRBM, perché cinque anni fa siamo stati noi, nei nostri laboratori, ad aver testato il vaccino anti-ebola“.

In questo momento ci sono una trentina di società che hanno detto che stanno lavorando sul vaccino, anche in Italia. Da quello che sappiamo noi, chi è veramente vicino alla soluzione sono un consorzio americano, uno italo-inglese, che siamo noi, e uno israeliano. Questi tre sono vicini, gli altri che parlano cercano solo di guadagnarsi titoli sui giornali. I tempi canonici sono questi: entro fine giugno faremo esperimenti sull’uomo, dopo aver lavorato sui topi. Nella sperimentazione umana, tuttavia, ci sono molte fasi ed è un iter che dura 4-5 anni. Questi sono i tempi regolamentari canonici“.

Se la pandemia dovesse andare fuori controllo, le autorità regolatorie potrebbero decidere di ridurre le tempistiche. Ad esempio con l’Ebola, l’attesa per l’autorizzazione a procedere sarebbe durata svariati mesi, invece in America l’ok ci arrivò dalla sera alla mattina“.

Ricordiamo sempre che la ricerca per i vaccini va fatta quando non ce n’è bisogno, altrimenti poi diventa troppo tardi. L’aspetto positivo è che il virus non colpisce i bambini, perché dalla nascita portano avanti un processo di vaccinazione importante, quindi continuate a vaccinare i vostri figli!“.

Il Governo sta facendo bene, la gente deve rimanere a casa, è l’unica difesa contro un nemico invisibile, in attesa del vaccino“.

Il caso di Napoli? Ogni esperienza varia da malato a malato. Non avendo l’arma specifica contro il virus, gli scienziati di Napoli stanno provando a rintracciare una soluzione alternativa, facendo un ottimo lavoro. I sanitari partenopei sono stati bravissimi a trovare questa presunta terapia aggiuntiva che può riparare i danni che fa il Covid“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News