Resta in contatto

News

Boranga: “Il campionato di Serie A andava fermato subito”

Parla lo storico ex portiere di Fiorentina, Brescia e Parma

Perugia, Fiorentina, Brescia, Parma, ma anche le aule universitarie per una laurea in medicina. Lamberto Boranga fa parte della storia del calcio (e dell’atletica categoria Master) e sul connubio sport-Coronavirus ha le idee molto chiare: “Il campionato di Serie A andava fermato subito”.

Per l’ex portiere “gli interessi economici passano sopra le persone e per via degli ascolti, degli sponsor e dello spettacolo si è trascurata la sicurezza e la salute. C’erano dei seri rischi e per evitarli andava fermato il campionato. Così non è stato e adesso vediamo cosa accade anche nel mondo del professionismo”.

Appena scoppiata l’epidemia, inoltre, si sarebbe dovuto intervenire con la prevenzione “visto che esistono gli asintomatici – dice Boranga – bisogna subito disporre il tampone per tutti i giocatori professionisti”.

Nella sua carriera di medico Boranga annovera anche un specializzazione in biologia e virologia, quindi quando parla del Covid19 lo fa con una certa competenza: “È un virus aggressivo, mutevole. Che fosse pericoloso ormai si sapeva e la realtà non può che confermarcelo. Le disposizioni del restare a casa se valgono per la popolazione, valevano anche per i calciatori. Si tratta di volersi bene e preoccuparsi degli altri: se io non attuo comportamenti a rischio tengo al sicuro me stesso e gli altri”.

Quanto al calcio “è irragionevole pensare che in uno sport di contatto un eventuale giocatore positivo non infetti un compagno o un avversario”.

E adesso i calciatori cosa possono fare? “La beneficenza si fa, ma non si sbandiera. Se un calciatore di Serie A decidesse di devolvere il 5% del suo stipendio non credo che andrebbe incontro ad un problema. Dare un contributo economico, in queste condizioni di emergenza, è una buona azione auspicabile”.

(A cura della redazione di Tifosinrete)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News