Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Acquisti mirati a basso costo. Pedro e Lovren i più ricercati

La strategia di Fonseca è chiara

Sembra di essere tornati a 15 anni fa quando la famiglia Sensi ingaggiò tre giocatori a parametro zero (Taddei, Nonda e Kuffour) più un portiere pagato 18mila euro, Doni. Ora Fienga non ha una maggiore libertà di azione perchè non ha liquidità e ha bisogno di recuperare denaro per costruire la squadra del futuro. Petrachi, per questo, ha avviato contatti con gli svincolati appetibili: da Bonaventura a Pedro, da Gotze a Kovalenko. I primi due hanno più possibilità degli altri anche se molto dipenderà dalle partenze. L’idea è di cedere Under e Florenzi poi studiare eventuali offerte per i vari Spinazzola, Kluivert, Peres e Cristante.

Proprio il centrocampista potrebbe finire in un’affare con la Juventus per prendere Mandragora. I due giocatori verrebbero valutati intorno ai 30 milioni di euro e la strada che può pensare la Roma è quella del baratto. Il diesse aveva già pensato di offrire Pastore e Perotti allo Shanghai per riportate El Shaarawy, ma la risposta è stata “no“. Un’altra idea è quella per uno scambio alla pari col Marsiglia Nzonzi-Strootman, ma non è semplice. Fonseca intanto chiede calciatori esperti come rinforzi, un profilo come Pedro andrebbe bene, e la conferma di Smalling: difficile pensare che lo United lo lasci un altro anno in prestito. Servirà quindi un altro centrale che potrebbe essere Lovren. Lo riporta “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa