Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Serie A come la Francia? Lo scudetto andrebbe alla Juve, la Roma maledice la rimonta di Bergamo

Se i giallorossi avessero vinto in casa dell’Atalanta, in caso di congelamento della classifica sarebbero in Champions League

Quello che potrebbe essere il domani della Serie A racconta della Juventus Campione d’Italia, Brescia e Spal in Serie B e Milan fuori dalle coppe. Questo succederebbe se la Federcalcio adottasse lo stesso sistema della Ligue 1 dopo lo stop: in Francia è stato usato il criterio della media punti e nel nostro Paese in tanti avrebbero rimpianti. I bianconeri, con 2,42 punti a partita vincerebbero il Tricolore davanti alla Lazio che ne ha 2,38. Oltre il 2-0 all’Inter, Sarri dovrebbe ringraziare il punticino di Sassuolo con rigore di Ronaldo del 2-2. Inzaghi, invece, può maledire il recupero contro il Verona finito in parità.

L’Atalanta arriverebbe in Champions grazie alla rimonta sulla Roma del 14 febbraio, senza quella il quarto posto sarebbe stato appannaggio del giallorossi. La beffa più grande riguarda il Milan che così non potrà raggiungere l’Europa League che poteva prendere attraverso la Coppa Italia. La media punti ribalterebbe la classifica, col Verona che scavalcherebbe la squadra di Pioli. Per quanto riguarda le retrocessioni, il Lecce sarebbe salvo perché, nonostante la differenza reti che lo befferebbe contro il Genoa, arriverebbe terzultimo e in Francia hanno deciso di farne scendere due. Lo scrive Repubblica.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa