Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 11 maggio 1952: la Roma batte 0-7 la Reggiana

I giallorossi, nella loro unica annata in serie cadetta, mettono in ginocchio i padroni di casa, ipotecando il primo posto per ritornare in Serie A

L’11 maggio del 1952 la Roma batteva 0-7 la Reggiana allo stadio Comunale Mirabello. I giallorossi, in Serie B, ottengono una vittoria decisiva per il primo posto, distaccando il Brescia secondo e mettendo una grossa ipoteca per il ritorno in massima serie. La partita non ha storia, la Roma è superiore ai padroni di casa in tutto e per tutto, e già al 7′ minuto gli ospiti trovano il gol del vantaggio, grazie alla rete di Bettini. Dopo due minuti arriva il raddoppio giallorosso: azione ZeccaBettiniSundqvist, con quest’ultimo che lascia partire un tiro secco e violento che spiazza il portiere granata.

La Roma è padrona del campo, e al 20′ arriva anche il gol del momentaneo 0-3: Venturi apre per Sundqvist che mette dentro la doppietta personale. Nel primo tempo, arriva anche la possibilità di aumentare il vantaggio giallorosso, grazie a Bettini, che salta il portiere Vasirani e insacca il gol del 0-4. Nella ripresa la storia non cambia, la Roma attacca e la Reggiana può fare ben poco per evitarlo: al 47′ ancora Bettini sigla la sua personale tripletta con un tiro dal limite dell’area, e dopo due minuti arriva anche la tripletta di Sunqvist, lanciato da Ventura. Forti dei 6 gol di scarto, i giallorossi abbassano il ritmo, senza però concedere nessuna occasione agli avversari. Anzi c’è anche la possibilità per aumentare il netto vantaggio, e per permettere a Bettini di segnare il suo quarto gol della giornata: Andersson tiene palla al limite dell’area e serve l’attaccante lombardo, che insacca il gol del definitivo 0-7.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord