Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Spadafora mette like ad un commento contro la ripresa del campionato. Scoppia la polemica (FOTO)

Il Ministro dello Sport, impegnato in questi giorni alla ripartenza sportiva del paese, è finito nell’occhio del ciclone per un “mi piace” di troppo

E’ ormai polemica sulla ripartenza della Serie A: in questi giorni di pandemia sono due le scuole di pensiero che dividono il paese. Chi non vorrebbe riprendere la stagione attuale e chiudere qui il campionato, e chi invece vorrebbe rivedere le squadre in campo, anche se con le dovute accortezze.

La palla è in mano del Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, che dopo aver ricevuto le linee guida del CTS, ora aspetta una risposta della FIGC sull’accettazione di queste ultime. Non manca però ulteriore polemica: ieri infatti il Ministro è finito nell’occhio del ciclone dei social a causa di un “mi piace” messo ad un commento di un tifoso che spiegava come la ripresa del campionato sia impossibile e ingiusta. Da lì il putiferio.

 

C’è chi scrive: “Ditelo chiaro che nom volete la riapertura degli sport di squadra del resto da un ministro dello sport come Spadafora cosa potevamo aspettarci” o anche: “Non servivano certo i paletti imposti da Spadafora che poi è sostanzialmente applicare l’attuale protocollo, a sancire l’eventuale blocco della Serie A”. Un tifoso osserva: “Spadafora riesce a dire di voler fare partire la serie A, ma con le.sue parole ne rende impossibile la ripartenza. I medici delle squadre giustamente non ci stanno. Ministri dello sport di cui faremmo volentieri a meno. Spadafora fai ripartire come in Inghilterra

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News