Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Pallotta: “Non potrei essere più felice di Fonseca. Se rimarrà qui tanto tempo la Roma sarà fortunata”

Le parole del presidente giallorosso sul tecnico

Non potrei essere più felice di Fonseca“. Esordisce così James Pallotta, presidente della Roma, in un’intervista concessa al sito ufficiale del club giallorosso, nel giorno del primo anniversario dell’allenatore portoghese sulla panchina dei capitolini. “La Roma sarà molto fortunata se Paulo rimarrà al Club per tanto tempo – prosegue Pallotta. È incredibilmente intelligente, ha un approccio davvero evoluto al calcio che predilige, piace a tutti e ha dimostrato tanta maturità. Ha un ottimo rapporto con i giocatori e lavora davvero bene con Guido Fienga, con Manolo Zubiria e con tutto lo staff“.

Il numero uno giallorosso tesse le lodi del tecnico: “Non dimentichiamoci che, nonostante in questa settimana cada il primo anniversario dalla sua firma, non è ancora riuscito a vivere un’intera stagione con noi. Si è trasferito in un nuovo paese, ha imparato una nuova lingua e si è preso la responsabilità di un club in un campionato nuovo e difficile, facendolo senza problemi.  Non credo di averlo mai sentito inventare una scusa – aggiunge –. Non cerca giustificazioni quando le cose vanno male o non si mettono come sperava. Affronta le battute d’arresto, i problemi e le tribolazioni che comportano allenare la Roma con una maturità intellettuale secondo me rara nel calcio

Mi guardo intorno e vedo molti allenatori che si lamentano con i media e con i tifosi perché il club non ha acquistato loro un determinato giocatore o se la prendono con gli infortuni quando non vincono. Non ho mai sentito Paulo farlo e senza dubbio abbiamo avuto la nostra dose di infortuni. L’approccio che adotta sempre è chiedere a se stesso e agli altri “‘come possiamo risolvere questo problema?’“, conclude Pallotta.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra