Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Fusco (ds Sambenedettese): “Sarà un onore giocare contro i giallorossi”

Il direttore sportivo del club che sabato affronterà la Roma nella prima amichevole stagionale in vista della ripartenza della Serie A

Intervenuto ai microfoni di Teleradiostereo, Pietro Fusco, DS della Sambenedettese, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Com’è nata l’idea di questa amichevole?
In onestà, mi ha chiamato Morgan De Sanctis dicendomi che la dovevano fare col Benevento, ma per via dei tanti assenti hanno preferito virare su un’altra squadra. Non ci sentiamo però seconda scelta.

State allestendo una grande squadra per la C.
Siamo all’inizio di un percorso, abbiamo appena cambiato la società, ma vogliamo allestire un’eccellente rosa per il nostro campionato. Giocheremo in un girone tosto, ma ci vogliamo far trovare pronti.

Che Roma vi aspettate?
Sicuramente non giocheremo contro una squadra al completo, ma nel primo tempo credo che avremo di fronte una vera prima squadra, poi magari nella ripresa la primavera. Per noi andare su Roma Tv o su Sky è importantissimo, una splendida vetrina, sarà un onore giocare contro i giallorossi.

Non è la prima volta che lei affronta la Roma.
Ai tempi dello Spezia facevo il direttore in quella stagione. Fummo fortunati, devo ammetterlo. Ho venduto Sadiq e Nura: con quest’ultimo mi piange il cuore, aveva un grandissimo potenziale. Sabatini e Spalletti stravedevano per Nura, ha avuto un problema gravissimo.

Cos’è mancato a Sadiq invece?
Nella sua follia è ancora ’97, sembra mio nonno (risata, ndr), ma è uno forte. E’ un po’ superficiale, ma se raggiunge la giusta maturità è un giocatore importantissimo. E’ un ragazzo speciale, gli voglio bene.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News