Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Riapre il primo stadio in Italia, anche se solo per un’amichevole

Il Tardini di Parma riaprirà al pubblico: anche se solo per un’amichevole e per sole 1000 persone, equamente distribuite nell’impianto

In occasione dell’amichevole precampionato contro l’Empoli in programma domenica 6 settembre, il Parma aprirà le porte del suo stadio ai mille tifosi, equamente divisi in due settore dell’impianto. A riportarlo è la stessa società gialloblù con una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito web:

“Lo Stadio Tardini di Parma sarà il primo impianto di Serie A ad aprire le porte ai tifosi dopo l’emergenza Covid-19. Dall’ultima volta, giorno di Parma-Lazio (9 febbraio 2020) sono passati quasi sette mesi. In tutto questo tempo siamo stati costretti a stare fisicamente senza di voi. Senza il vostro calore, il vostro apporto e la vostra presenza. La priorità era e resta una sola: l’incolumità di tutti e la lotta contro un virus che ha messo in seria difficoltà il mondo intero e ha stravolto le vite di tutti. Uno degli obiettivi è quello di tornare a riconquistare una normalità, riprendendo le attività e le passioni che per combattere quest’emergenza sanitaria abbiamo dovuto mettere da parte. La normalità, per un tifoso di calcio, è quella di popolare i gradoni dello stadio dove gioca la sua squadra del cuore. La normalità, per una squadra di calcio, è quella di avere i propri supporter al proprio fianco. La strada è ancora lunga, e come detto in precedenza la priorità è e resta l’incolumità di tutti i tifosi e degli appassionati. Vogliamo però iniziare da un primo passo, e speriamo verrà seguito da molti altri sempre in quella direzione, sempre se la situazione sanitaria lo permetterà. Seguendo le norme stabilite dalle Autorità abbiamo ottenuto la possibilità di permettere l’accesso al Tardini per l’amichevole di domenica contro l’Empoli al numero massimo di persone consentito, ovvero 1.000 persone. Vogliamo tornare ad aprire le porte del Tardini senza limitazioni di numero, per tornare a vivere le partite del Parma tutti insieme, ma per il momento è il massimo che ci è consentito. Siamo consapevoli che la normalità non è questa, ma allo stesso tempo vogliamo cercare di fare tutto il possibile per tornare ad avervi al nostro fianco”. Mille tifosi dunque allo stadio, ma in massima sicurezza. “Per questo abbiamo voluto applicare per questa circostanza l’opportunità contemplata dal Dpcm n.198 del 07/08/2020, grazie anche all’assenso ricevuto dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica della Prefettura di Parma e del Gruppo Operativo Sicurezza della Questura di Parma. I 1.000 spettatori consentiti verranno equamente divisi in due diversi settori dell’impianto, la Tribuna Petitot e la Curva Nord”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News