Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo sceglie l’Austria

Sarà Innsbruck la sede dell’operazione di Zaniolo

Una scelta dura e difficile, con diverse opzioni che erano presenti sul tavolo ed una scelta ricaduta sull’Austria. La famiglia Zaniolo ha deciso di non far operare il giocatore della Roma a Villa Stuart e, in compagnia dell’agente Vigorelli, ha optato per la clinica Hochrum di Innsbruck. Nella struttura gestita dal professor Christian Fink, specialista in chirurgia d’urgenza e traumatologia sportiva, sono stati operati Chiellini, Demiral e Pavoletti ed è qui che probabilmente nella giornata di lunedì Zaniolo si aggiungerà alla lista. Francesca Costa, madre del ragazzo, ha spiegato il perché della scelta: “Non c’è nulla contro Mariani, ma valutiamo soprattutto l’aspetto psicologico, per non fargli ripetere un iter che ha già passato. All’inizio aveva detto “Smetto col calcio”, ora – ha dichiarato a Centro Suono Sport – è carico”. La Roma ha condiviso tale strada e non ha intenzione di affrettare i tempi di recupero o di rischiare alcunché.

Intanto sul fronte delle uscite per Karsdorp c’è un forte interesse del Genoa e in casa Roma sono convinti che l’affare possa andare in porto, sempre che i liguri diano la disponibilità a prendere l’olandese in prestito oneroso e non gratuito. Ci vorrà ancora qualche giorno per Fazio al Cagliari, ma le parti sono molto vicine. Come vice-Dzeko va segnalata la presa di posizione di Kalinic, che spera di poter tornare nella Capitale. Difficile  Kokorin, sia per motivi caratteriali, sia per la richiesta di 7 milioni di euro fatta dallo Spartak Mosca. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa