Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma si rinnova

Pronti i rinnovi per Dzeko, Zaniolo e Pellegrini. Si lavora sul fronte Calafiori

Il restyling della Roma non passa soltanto attraverso la compravendita dei calciatori o dal riassetto societario, ma anche dal rinnovo dei contratti più importanti e strategici. Il primo incontro nell’agenda di Fienga è con Edin Dzeko. L’ingaggio del bosniaco è pesante (7,5 milioni di euro netti a stagione), per questo la società gli proporrà di spalmarlo su tre o quattro anni (la scadenza attuale è fissata nel 2022), per diluire lo stipendio e la quota di ammortamento.

Situazione Zaniolo: senza la seconda ricaduta, il numero 22 avrebbe già siglato un nuovo accordo con la Roma. La dirigenza del club capitolino punta comunque un rinnovo per un’ulteriore stagione (spostando la scadenza al 2025, attualmente è nel 2024), con un aumento che confermi la totale fiducia in lui. Con Pellegrini sono stati già avviati i contatti per prolungare l’accordo in scadenza nel giugno 2022. Il numero 7 è orientato a giocare il più possibile nella Roma, almeno fino a quando vedrà una società che punta su di lui. Nel nuovo accordo ci sarà da eliminare la clausola rescissoria da 30 milioni di euro, che Pellegrini non ha mai voluto esercitare in questi anni.

Infine, c’è da risolvere la situazione legata a Riccardo Calafiori, 18 anni e una sola presenza in Serie A. Anche il suo contratto termina nel giugno del 2022, ma la distanza tra l’offerta presentata da De Sanctis (400.000 euro più bonus fino al 2025) e la richiesta del procuratore Mino Raiola (1,2 milioni a stagione: il triplo di quanto proposto) rende la trattativa complicata. L’interesse di tutti, in questo momento, è quello di trovare un’intesa, per quanto complessa possa essere. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa