Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Young Boys-Roma 1-2: la favola di Kumbulla, la rinascita di Pau Lopez. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Esordio europeo per la Roma di Fonseca

PAU LOPEZ    6.5

Esce bene, e non soltanto sulle palle alte. I rinvii con il piede mancino talvolta sono portatori insani di problemi, ma non fa danni. Determinante su Elia, nel finale. Ritrovato.

FAZIO   5,5

Gioca centrale di destra nella difesa a tre, di testa le prende quasi tutte lui ma il guaio è che bisogna anche marcare, e in velocità, sulle palle basse.

KUMBULLA    7

All’esordio in Europa, è il centrale dei centrali. Non ha paura di ricoprire quel ruolo anche se è il più giovane. Classe e personalità. Firma di testa un gol che mai dimenticherà.

JESUS    5

Dà l’impressione di non avere più il fisico e i tempi di gioco dei vecchi tempi. Fatica tanto a reggere l’urto degli avversari, anche se non combina guai enormi.

KARSDORP   4

Di lui si ricorda un aggancio mancato, sullo zero a zero, a tu per tu con il portiere avversario. Una delle tante, troppe cose brutte della sua insipida partita, durata solo 45 minuti.

CRISTANTE   6

Il calcio di rigore lo vede più vittima che colpevole. Cerca di cucire il gioco, ma non riesce a trovare facilmente il tempo e lo spazio per avviare l’azione con i tempi giusti. Nei momenti più complicati della partita, però, è lui a tenere a galla la baracca romanista. Chiude da difensore (non benissimo), cioè in un ruolo non suo.

VILLAR   5

I mediani dello Young Boys se lo mangiano spesso e volentieri. Ha tecnica, ma non riesce ad azionarla con le giuste frequenze. 

BRUNO PERES   6,5

Anonimo, sulla corsia di sinistra. Non si vede praticamente mai, sia in avanti sia dietro. Non pervenuto. Ripresa a destra, con l’importante gol del pareggio da ala che gli alza il voto. 

CARLES PEREZ   6

Un guizzo d’autore, sul finire della prima frazione, e un costante contributo offensivo.

PEDRO   5,5

Giostra sulla sinistra, con poco spazio e poca collaborazione. Tanta pochezza complessiva intorno a lui, probabilmente, non se la sarebbe mai aspettata. Dà quello che può (non molto, a dire il vero), con intorno il deserto (tecnico) o quasi.

BORJA MAYORAL   5

Primo tempo da spettatore non pagante: un po’ non si fa vedere, un po’ non gliela danno mai. Stessa storia fino al cambio.

SPINAZZOLA   6,5

Rileva Karsdorp, ma va a sinistra. Straripante, ancora una volta.

DZEKO   6,5

Per Borja Mayoral: divino l’assist per Bruno Peres-gol. 

MKHITARYAN   6,5

Fa rifiatare Pedro, dopo un’ora di gioco: suo l’assist al bacio per Kumbulla-gol.

VERETOUT   6+

Porta sostanza, lì in mezzo. E suona la carica per la rincorsa/rimonta.

PELLEGRINI   6

Entra per Jesus, con Cristante che scala dietro. E la Roma con lui in campo va in vantaggio. Calci di punizione rivedibili, però…

FONSECA   6+

Torna alla difesa a 3, rispolvera Fazio e Pau Lopez, tira fuori Juan Jesus dal dimenticatoio, propone Karsdorp con soli due, tre allenamenti nelle gambe e manda in panca una marea di titolari. Rispetto alla formazione anti Benevento, addirittura nove cambi. Pensa tanto al Milan e centellina le forze, rischiando in prima persona. Dopo un’ora – come da copione – comincia a cambiare, cambia bene e la Roma vince la partita in rimonta. Tattica di gara azzeccata.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ancora cor piacione Ferretti…venduto a qualsiasi radio che offre di più

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

dzeco sempre fondamentale….meno male non l abbiamo venduto va….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Be’, forse con lo Young Boys un po’ di turn- over si poteva tentare in vista di altre partite a breve distanza………..lunedi il Milan…il 29 l’altra di Europa League…!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

non si può andare in europa in trasferta con le riserve. nel primo tempo gli Young potevano fare altri 2 gol e a quel punto la partita non la raddrizzavi più. Fonseca 4—

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Non so se ride o piange…a Roma invece de fa i tifosi semi diventati tutti Tecnici…commercialisti… dirigenti…ecc…ecc…ma godemose sta’ vittoria che su quel campo cia’ perso pure la Juve…e gridano daje Roma…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Dovemo pia toto cutigno-

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Tutti esperti.a fenomeni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mi pare esagerato la bocciatura di Jesus, Fazio l,altro al rientro sul sintetico ormai ogni volta che giocano sono condannati dai giudizi.la verità secondo me che abbiamo vinto contro una squadra molto inferiore alla nostra sono stati sufficienti 20 minuti di accelerazione con qualche cambio mirato.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

X me tutti bravi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Equiparare le prestazioni di pellegrini, sempre piu’ imbarazzante, e Cristante e’ una “chicca” degna del “miglior” Ferretti……

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Fazio e Jesus sono due pachidermi, con loro è come scendere in campo assegnando due posti in difesa a Max Tortora e Maurizio Costanzo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Comunque una cosa mi è chiara, non abbiamo un solo calciatore in rosa che può fare gol su punizione diretta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Perché davvero ci si poteva aspettare di più da Karsdorp che aveva nelle gambe solo un paio di allenamenti con il gruppo?
Per una squadra che vince si può anche essere più generosi nei voti perché essere inutilmente inflessibili con un giocatore reduce da un infortunio non serve a nessuno.
E quindi per quel poco che vale io invece gli do un 6 di incoraggiamento perché l’ho visto impegnarsi e metterci sempre la gamba

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Ma quale rinascita? Peres se non fosse per il gol prestazione indecente ….

Advertisement

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Tifo Lazio ma ammiravo Agostino come calciatore e come uomo. Apprezzo molto anche suo figlio. Il coro con il suo nome mi faceva venire i brividi."

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Totti.?.un mito la laggenda calcistica che mi ha reso orgoglioso più di quanto lo fossi , tifoso della Roma. E con tutto il rispetto per gli attuali..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Te vojo bene Principe! Sei stato il mio idolo da ragazzino, dopo Falcao il giocatore che mi ha fatto innamorare della AsRoma e di Roma."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Gli anni della Magica... indimenticabili momenti di sport ancora genuini con un allenatore maestro in tutti i sensi un grazie grande e sentito......"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "L'anima della Roma"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Mimmo Ferretti