Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La risposta di Lorenzo

Prestazione sontuosa del sette giallorosso

Lorenzo Pellegrini ha guidato la Roma nella vittoria di Bologna, ha segnato il suo primo gol stagionale in maglia giallorossa, è stato il migliore in campo. Ha dimostrato di poter esprimere tutte le sue qualità giocando più avanti, alle spalle di Dzeko, con il quale ha un’intesa straordinaria. Ha confermato le sue qualità tecniche, sa giocare tra le linee, con Villar e Veretout alle sue spalle ha partecipato a tutte le azioni più importanti. Non solo l’assist per il gol di Dzeko e la sua rete personale. Al centravanti ha dato altri palloni invitanti, come quello che è passato tra le gambe di un avversario e che Edin poi si è visto parare da Ravaglia. Una giocata alla Totti. I suoi numeri raccontano una prestazione di altissimo livello.

Un assist, un gol, due tiri in porta, tre dribbling tentati e due riusciti, 64 tocchi con il 77,8% di precisione, due passaggi chiave, un cross. E ancora: su 12 contrati ne ha vinti 8, ha subìto quattro falli, ha vinto due contrasti, ha recuperato due palloni. A 24 anni si è imposto nello spogliatoio e ha un ottimo rapporto con la società perché si è sempre preso le sue responsabilità. Il rinnovo del contratto è dato per scontato dai dirigenti, anche se finora il discorso in concreto non è stato mai affrontato. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa