Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma da record: segna e diverte

Gli uomini di Fonseca danno spettacolo al Dall’Ara

Nel primo tempo di Bologna, la Roma ha dato l’impressione di poter segnare sempre. Ogni volta che superava la metà campo. Ha fatto cinque gol (su sei tiri nello specchio) ma ne avrebbe potuti contabilizzare il doppio, padrona com’era dei tempi e degli spazi. E non è un caso che abbia mandato in porta cinque marcatori diversi: questa è una squadra che nelle giornate buone coinvolge tutti, o quasi tutti, nella composizione dell’opera. Sono già 13 i realizzatori stagionali: l’ultimo della lista è stato Lorenzo Pellegrini che si è sbloccato al Dall’Ara. Fonseca può essere contento perché dispone di tante soluzioni differenti per arrivare alla meta. La Roma continua a segnare con un ritmo di oltre 2 reti a partita (24 in 11 giornate), in piena media con il rendiconto dell‘allenatore, che ha chiuso le prime 60 partite giallorosse meglio di Zemna, Spalletti e di tutti i colleghi del Dopoguerra.

Uno degli elementi che colpiscono della seconda Roma di Fonseca è la verticalità: sbarcato in Italia come il profeta del dominio territoriale, l’allenatore si è adeguato alle caratteristiche del nostro calcio rinunciando all’adorato 4-2-3-2 e, soprattutto, al controllo ragionato del gioco. Con le debite differenze, si è avvicinato di più allo stile Klopp. Ieri a Bologna la Roma ha (stra)vinto la partita con il 46,8% di possesso palla: non c’è bisogno di fraseggiare quando si può accelerare in ripartenza verso la porta avversaria. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa