Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il calcio, l’amore e la città: ecco la vera lezione del Cucs

Nei molti anni che sono passati ci è capitato tante volte di incontrarvi in giro per la città

L’assolutezza, la voglia di sognare. Non è forse questo che ci da il calcio? Il privilegio di tornare a vedere le cose con gli occhi di un adolescente. Ecco perché, nel giorno del 44esimo compleanno del Cucs sembrano tutti ragazzi poco più che maggiorenni.

Giovani stretti in maglie di poliestere dai colori sgargianti sotto giubbotti jeans chiusi al collo da una sciarpa gialla e rossa. Un altro paese, un’altra Roma, un altro calcio. Il cuore del Commando non batteva per un calciatore o un capitano: ma per una maglia, una squadra, un’idea. Il Cucs è stato il contrario del tifoso alla “mai una gioia”.

Ecco allora cosa forse definisce una storia d’amore: qualunque cosa accada, gli amanti giurano fra loro di rimanersi vicini. Nei molti anni che sono passati ci è capitato tante volte di incontrarvi in giro per la città. Vorrei dirvi quanto quei gesti abbiano contato per Marisa, Gianmarco e per me. Siete stati sempre vicini al cuore di Ago.

Non lo avete mai dimenticato, anche quando se ne parlava con fastidio. E’ grazie a voi se oggi migliaia di giovani giallorossi crescono sapendo che essere tifosi della Roma significa abbracciare qualcosa in più. La Roma vale sempre la pena di essere vissuta. E questa vostra lezione noi non lo dimenticheremo mai. Si legge su La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa