Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, su chi punti? Dzeko ora è tentato da Real Madrid e Barça. E Mayoral va forte

Si cerca un acquirente per il bosniaco

I vertici della Roma, alle prese col caso Dzeko e la relativa rottura col suo allenatore, stanno provando ad assecondare Paulo Fonseca, ma non è affatto facile. Per questo è assai probabile che il 2 febbraio, chiuso il mercato, l’allenatore portoghese si ritrovi col centravanti bosniaco nello spogliatoio. Strana la parabola di Borja Mayoral, giunto dal Real Madrid fra i rimpianti di Zidane e la scarsa considerazione dell’ambiente giallorosso, soprattutto dopo le prime uscite. Adesso il bottino (20 presenze, 8 gol e 5 assist) fino a questo momento, non basta a certificare appieno la sua crescita. Così, a 23 anni, lo spagnolo si ritrova in mezzo al guado. La Roma, che lo ha in prestito, può riscattarlo pagando 15 milioni a giugno, oppure 20 nel 2022.

In attesa di El Shaarawy e Reynolds, la Roma, dopo la frattura tra Fonseca e Dzeko, ha incontrato il procuratore del bosniaco, Alessandro Lucci, per vedere se sia possibile una cessione. Uno col suo curriculum non accetta West Ham o Il Wolverhampton, mentre i sondaggi con Tottenham e Manchester City non sono andati a buon fine. Zidane lo prenderebbe al Real Madrid, ma lo scambio con Mariano Diaz si è arenato perché questi non vuole lasciare i blancos. Anche Koeman vorrebbe Dzeko al Barcellona, però i catalani, con le elezioni alle porte, possono spendere solo per un difensore. Infine, l’Inter ha chiuso le porte per uno scambio con Eriksen, mentre la Juve offre solo uno scambio con Bernardeschi. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa