Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko e Fonseca firmano l’armistizio

Arrivato il tanto atteso chiarimento

Ieri è stato un giorno importante per la Roma perché Paulo Fonseca e Edin Dzeko hanno finalmente chiarito le rispettive posizioni. A mercato chiuso tecnico e centravanti hanno deciso di incontrarsi a metà strada, rinunciando ognuno ad un pezzo di ragione in nome del bene superiore, cioè la Roma. Poi, a fine stagione, entrambi tireranno le somme. Edin ha manifestato il suo dispiacere per la situazione che si è creata in questi giorni e Fonseca lo ha riaccolto in squadra: il bosniaco è tornato ad allenarsi in gruppo, ma non sarà più il capitano.

Glielo ha detto il tecnico portoghese e lo ha ribadito Tiago Pinto: “In questo momento  Edin non è il capitano della squadra: un club deve fondarsi sulla disciplina e sulle regole da rispettare. Abbiamo avuto delle riunioni per rafforzare il sentimento di unione reciproca e ora dobbiamo concentrarci sul bene della Roma. Lo scambio con Sanchez? È vero che ho incontrato Ausilio, abbiamo parlato di diverse questioni ma non abbiamo mai intavolato una vera trattativa”.

La posizione del tecnico, ad oggi, è rafforzata: “Fonseca è il nostro leader, ha scritto pagine importanti qui alla Roma ed è la persona a cui abbiamo affidato il nostro futuro nell’immediato e a medio termine.Tutte le notizie circolate rispetto a riunioni con altri allenatori sono bugie, non ci sono mai state. Io e la presidenza siamo soddisfatti di Fonseca, la mia relazione con Paulo è molto buona: il mister non è distratto da queste voci e pensa solo alle prossime partite”.

Il bilancio del mercato appena concluso è positivo, seppure con qualche rammarico per non essere riuscito a sfoltire la rosa e ad abbassare il monte ingaggi: “Sappiamo tutti delle difficoltà attuali, eppure la Roma ha preso due calciatori che rispondono ai profili ideali per il proprio progetto. Uno fa parte della nazionale italiana, l’altro è uno dei talenti della MLS, un gioiello da raffinare: El Shaarawy e Reynolds ci aiuteranno a migliorarci. Ho lavorato per trovare soluzioni in uscita anche per i giocatori meno felici, che stanno giocando meno: non ci sono riuscito e non posso esserne soddisfatto”. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa