Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Cambiamenti in società: De Sanctis verso la promozione

Lavori in corso a Trigoria

Nell’opera di ristrutturazione della società, il nuovo dirigente portoghese sta lavorando alla costruzione di un reparto scouting di qualità, reparto che Pinto considera fondamentale per individuare i profili giusti da portare a Trigoria(si punterà molto sui giovani). In questo senso è molto probabile che in tempi brevi Morgan De Sanctis sia promosso in prima squadra con il ruolo di primo collaboratore di Pinto. Ora l’ex portiere è il responsabile del settore giovanile. Al suo posto dovrebbe essere promosso Simone Lo Schiavo, attualmente capo degli osservatori (è arrivato lo scorso anno dalla Vibonese dove ha fatto un grande lavoro).
C’è poi il discorso del nuovo segretario sportivo da trovare. Ruolo lasciato vacante dalle dimissioni di Pantaleo Longo dopo il pasticciaccio di Diawara non inserito nella lista in occasione della prima partita di campionato sul campo del Verona. Cioè la società per la quale, dopo poche settimane, ha firmato un contratto triennale da dirigente. Cose che capitano.

Per il nuovo segretario, sperando meno distratto di Longo, ci sono stati già diversi colloqui. E il nome che sembra aver convinto la nuova proprietà sarebbe quello di Maurizio Lombardo, ex segretario dalla Juventus da cui nell’ottobre si è separato consensualmente (a Torino per la verità parlarono anche di licenziamento). La scelta sarebbe già stata fatta, ma prima dell’ufficializzazione che per la verità sta ritardando più del previsto, dovrebbe andare in scena un nuovo incontro tra le parti proprio per mettere nero su bianco ruolo e accordo economico. Lo scrive “Il Romanista”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa