Resta in contatto

News

Nela: “Mi piacerebbe tornare a lavorare nella Roma, ma non credo accadrà”

Il campione d’Italia sottolinea il desiderio di tornare alla Roma, definendola la sua “vita calcistica”

Sebino Nela, uno dei calciatori più amati della storia della Roma, è intervenuto a Dire, manifestando la volontà di tornare a lavorare nel club con il quale ha vinto uno scudetto da calciatore. Queste le sue parole:

“Una figura come può essere quella dell’ex calciatore nella dirigenza di una società di calcio sicuramente manca. Un Nela nella Roma? Mi piacerebbe tornare a lavorare in un club, ma non penso succederà alla Roma“.

“Nel mondo del calcio servono persone credibili che fanno questo, è un lavoro da non sottovalutare. Questa figura assume un grande valore. Se è un ex calciatore ancora meglio, i giocatori sanno che di fronte hanno una figura che conosce le sfumature della vita di un calciatore. Anche noi ex possiamo essere una risorsa, a patto però che si studi e si sia persone con voglia, competenza e conoscenza. Non è che se hai giocato 10 anni nella Roma ti spetta di diritto il ruolo. Vediamo al Milan, Paolo Maldini incarna la figura come quelle dei dirigenti di una volta. Se si presenta un Maldini davanti a un giocatore cambierà qualcosa o no? Ci sono tante figure che meriterebbero di fare questo lavoro”.

Se il presidente Dan Friedkin chiamasse per un caffè?

“Io sono fumatore, il caffè mi piace. Staremo a vedere, la Roma è stata la mia vita calcistica, certo che mi farebbe piacere. Ma non penso che succederà.”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News