Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Matheus: “Paulo, ti ricordi di me? Adesso ti voglio battere”

Parla il portiere del Braga

Conosce bene Fonseca, che lo ha allenato in passato al Pacos de Ferreira. Ora ha tutto il desiderio di batterlo in Europa League: parla a “Il Corriere dello Sport” Matheus. Queste le sue parole:

Perché con lui (con Fonseca, ndr) Matheus non giocava?
“Non è proprio così. Lui aveva scelto il portiere che aveva allenato al Paços de Ferreira (Marafonda, ndr). Comunque giocavo, anche se solo nelle coppe. Conquistammo quella del Portogallo, un trofeo storico per il club”.

Oggi del Braga è una specie di bandiera.
“Beh, sono alla settima stagione. È bello stare qui, c’è un ambiente sereno e professionale. E i portoghesi sono gente gentile, simile a quella brasiliana”.

Dicono che il punto di forza del Braga sia il portiere, un vero regista difensivo: ha il record di passaggi precisi (742) nel campionato portoghese.
“Fa piacere. Ma no, la forza del Braga è il gruppo. Vogliamo onorare l’Europa League”.

Nella Roma invece con i portieri non c’è pace.
“Non posso giudicare la situazione della Roma. Ma credo che il segreto dei portieri sia la tranquillità. Io qui ho avuto modo di crescere e sbagliare, condividendo un percorso pluriennale con la società e con tanti colleghi”.

Potete eliminare la Roma?”
Ci proveremo perché questa è la nostra mentalità. Rispettiamo gli avversari ma abbiamo fiducia nelle nostre qualità”.

Avete ritrovato di recente uno dei giocatori più talentuosi, Gaitan. È il vostro miglior acquisto di gennaio?
“Nico c’è sempre stato. Ha avuto tanti problemi fisici, ora sta bene e ci sta aiutando molto: ha anche segnato, bene così”.

Nella Roma c’è il caso Dzeko. Da portiere preferirebbe affrontarlo o no?
“Per me cambia poco. Sono abituato a studiare nei dettagli tutti gli avversari al video. Lo farò con Dzeko ma anche con Mkhitaryan, Borja Mayoral e tutti gli altri”.

Fonseca più Tiago Pinto: è la Roma dei portoghesi.
“Già. Conosco di fama Pinto, qui ha lavorato bene con il Benfica. Ma non conosco il suo stile”.

La Serie A le piace?
“A chi non piace? E poi mia moglie Mabily adora la lingua italiana. Mai dire mai”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa