Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

De Rossi: “Sono contento, nonostante gli errori”

Alberto De Rossi commenta Cagliari-Roma

I ragazzi della Primavera giallorossa hanno racimolato un prezioso punto dopo una gara abbastanza rocambolesca, terminata con il risultato di 2-2. Nei minuti finali il gol di Satriano ha ristabilito la parità. Il tecnico Alberto De Rossi è intervenuto ai microfoni di ‘Roma TV’ per commentare la gara dei suoi uomini.

Il match?
“Prendiamoci la grande prestazione dei ragazzi, siamo contenti di quello che hanno fatto in campo, nonostante gli errori, ma mi tengo la prestazione e la lucidità di recuperare il risultato. Siamo moderatamente contenti.”

Ripartiamo dal finale?
“Questa è stata la migliore delle ultime partite, non abbiamo fatto risultato pieno ma davanti a una prestazione così c’è solo da applaudire. Dobbiamo lavorare e non commettere più errori del genere.”

La Roma domina le partite.
“A me piace questa cosa, il fatto che gli avversari ci aspettano è sintomo di rispetto, ci temono. Sappiamo che gli avversari giocano così, ci aspettano e ripartono, il Cagliari oggi comunque ha giocato, con una grande organizzazione.”

Modulo per il futuro?
“Viviamo alla giornata. Ieri si è infortunato Providence, abbiamo alcune assenze, oggi ci siamo messi a quattro per allentare la tensione in difesa e limitare la loro regia.”

Bruno Conti a centrocampo fa effetto?
“Parliamo di familiari aggiunti, Bruno è un fratello, è stato bello rivedersi.”

      Lascia un commento
      Subscribe
      Notificami
      guest

      0 Commenti
      Inline Feedbacks
      View all comments
      Advertisement

      I MITI GIALLOROSSI

      L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

      Agostino Di Bartolomei

      Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

      Aldair

      “Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

      Bruno Conti

      E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

      Daniele De Rossi

      Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

      Francesco Totti

      IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

      Giuseppe Giannini

      Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

      Paulo Roberto Falcao

      IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

      Rudi Voeller

      SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

      Sebino Nela

      Advertisement

      Altro da Roma Primavera