Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, il copione sbagliato senza gol

I giallorossi non riescono a pungere

Stanco di sentirsi dire che è capace di vincere sempre con le piccole ma mai contro le grandi, Fonseca ha cambiato copione e la Roma ha fatto 0-0 a Benevento. Domenica prossima vedremo se Fonseca sarà capace di battere il Milan e fare qualcosa di diverso anche in positivo. Nel frattempo Atalanta e Lazio hanno guadagnato due punti nella corsa alla Champions e la Juve è due punti sotto ma con due partite in meno.

La Roma ha messo davvero in difficoltà un coraggioso Benevento solo negli ultimi minuti, dopo aver ruminato calcio per 80 minuti abbondanti. Il climax è arrivato nel recupero del recupero quando Foulon ha agganciato il piede di El Shaarawy in piena area e Pairetto ha fischiato un rigore netto ma cancellato dalla Var, che ha giustamente rilevato una precedente posizione di fuorigioco di Pellegrini.

È vero che il Benevento si è chiuso a oltranza, ma una bella mano ai campani l’ha data proprio Fonseca che ha sbagliato tutte le sue scelte in panchina: Borja Mayoral, contro un avversario molto chiuso, è molto meno incisivo di Dzeko; Bruno Peres, destro schierato a sinistra, ha rallentato sempre il gioco; mantenere la difesa a tre, con Spinazzola tra i difensori e non sulla fascia, è stato però l’errore più grave. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa