Resta in contatto

News

Shakhtar Donetsk, Trubin: “L’andata solo un incidente di percorso”

Parla il portiere della squadra ucraina

Anatoliy Trubin, portiere dello Shakhtar Donetsk, ha rilasciato un’intervista al sito Tuttomercatoweb.com. Ecco le sue parole:

Partiamo inevitabilmente dalla gara di stasera: lo Shakhtar crede nella rimonta?
Vi assicuro che ogni tesserato dello Shakhtar, dai calciatori all’allenatore, dallo staff sanitario alla dirigenza, dal presidente al magazziniere, crede ciecamente nella rimonta contro la Roma. Siamo tutti convinti di potercela fare e lo saremo fino all’ultimo secondo di gioco. La nostra squadra darà il 200% per provare che l’andata è stata solo un incidente di percorso, un errore.

Fiducia altissima, dunque, in casa Shakhtar…
Assolutamente sì. Vogliamo ribaltare tutto e passare noi ai quarti di finale di Europa League. Siamo consapevoli della nostra forza e crediamo tantissimo in noi stessi. Tutti insieme, giocando l’uno per l’altro, abbiamo la possibilità di realizzare questa rimonta e proseguire il nostro cammino europeo.

Quanto sarebbe stata importante la presenza dei vostri tifosi allo stadio?
E’ sempre bello e divertente giocare davanti ai tifosi. Il calcio senza tifosi perde tutta la sua emozione. Saremmo quindi stati contenti per la presenza della nostra gente allo stadio: i fan ci avrebbero sostenuto con grande energia dal 1′ al 90′ dandoci una spinta in più. Peccato.

Tornerà da avversario mister Paulo Fonseca, non certo un allenatore qualunque per la sua carriera.
Paulo è un buon allenatore, con una grande disciplina e preparazione tattica. Io ho debuttato in prima squadra proprio grazie a lui. Fonseca è stato infatti il primo a darmi una possibilità, aprendomi le porte del professionismo. Per questo ho solo bei ricordi di lui, nonostante abbiamo lavorato insieme solo sei mesi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News