Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 28 maggio 2017: Francesco Totti gioca la sua ultima partita con la maglia della Roma (VIDEO)

Il capitano giallorosso lascia la Roma dopo 25 anni di amore. Lo scenario è mozzafiato: un Olimpico gremito saluta il suo Re, tra lacrime e applausi

Il 28 maggio del 2017 resterà una data storica, per la Roma e per il calcio: in quel giorno non solo i romanisti, ma tutti gli amanti di questo splendido sport, hanno applaudito un giocatore fenomenale che ha scelto di indossare fino alla fine i colori del suo cuore, diventando una leggenda. Certo, è stata forse una delle pagine più tristi della storia della Roma, ma in fondo anche meravigliosa per il ricordo che ci ha lasciato, per il ricordo che Francesco Totti ci ha lasciato. Quel RomaGenoa, decisivo per le sorti dei giallorossi in chiave Champions League, non interessava a nessuno: quel pomeriggio gli occhi di tutto il mondo erano solo per lui, il Capitano.


La partita finì 3-2 per i giallorossi, ma non è questo ciò che merita di essere ricordato. Quello che vogliamo celebrare è l’emozione, la commozione, l’amore di Francesco Totti per la sua Roma, per noi, per chi (come chi scrive n.d.r.) è cresciuto con la sua maglia sulle spalle, per chi lo ha visto esordire da adulto, e lo ha adottato come fosse un figlio. Quel 28 maggio Roma ha vinto, non solo sul campo, ma nel cuore. Dimostrando al mondo che questo calcio, ormai fatto di plusvalenze, di aziende, di bilanci, non sarebbe nulla senza l’amore e la passione. E di come, purtroppo, il tempo sia un nemico comune, che senza farci rendere conto di nulla, ci separa dai nostri amori: “Maledetto tempo“…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord