Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Dalla Svizzera: la Roma e Mourinho vogliono a tutti i costi Xhaka. Le ultime

Mourinho vuole lo svizzero a Roma per puntellare il centrocampo

La Roma è in trattativa con l’Arsenal per Granit Xhaka. Che ruolo gioca l’allenatore José Mourinho, quanto i club sono ancora distanti e quanto velocemente potrebbe svoltare la trattativa? Lo descrive “Blick Sport“.

Il portale svizzero racconta che Xhaka si sta preparando per gli Europei con la sua nazionale a Bad Ragaz SG da mercoledì. Ed è possibile che il capitano firmi con un nuovo club prima della partita contro il Galles del 12 giugno.

Quello che è stato scritto come un rumor in Italia giovedì è molto più di questo: l’AS Roma e il suo nuovo allenatore José Mourinho vogliono assolutamente attirare Xhaka nella Città Eterna. Secondo le informazioni raccolte da “Blick“, il club italiano e l’Arsenal hanno avviato i colloqui per un trasferimento.

I punti critici in queste trattative sono evidenti: l’Arsenal, che in passato ha pagato 45 milioni di euro per il trasferimento di Xhaka dal Gladbach, vorrebbe guadagnare più soldi possibile dal suo giocatore, titolare indiscusso. Soprattutto ora nella crisi della Corona e in una situazione in cui non giocherà a livello internazionale per la prima volta in 26 anni.

I media italiani hanno riferito che la Roma presenterà un’offerta da 13 milioni di euro, mentre l’Arsenal ne chiede 25.
Nella crisi della Corona, un accordo a metà strada a 18 milioni di euro più il pagamento dei bonus sembra realistico.

E lo stesso Xhaka? Certo, lavorare con José Mourinho ha un certo fascino su di lui. Inoltre, a quasi 29 anni, lo attende a Roma un contratto pluriennale. Da parte sua, Mourinho è un grande fan di Xhaka e cerca stabilità per la sua nuova squadra.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato