Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 15 giugno 2015: viene presentato il progetto dello Stadio della Roma. Pallotta: “Tra sei mesi al via ai lavori”

Esattamente 6 anni fa, in Campidoglio, la Roma presentava il progetto per il nuovo impianto sportivo. Nonostante i tanti proclami, ancora nulla si è mosso

Il 15 giugno del 2015 la Roma presentava in Campidoglio il progetto del nuovo stadio della Roma. Davanti ad un Salone delle Fontane gremito, il presidente James Pallotta, assieme a Mark Pannes e a tutti gli Stati Generali della Roma, presentava il progetto per il nuovo impianto sportivo giallorosso.

Un progetto ambizioso, che, stando alle parole del numero uno giallorosso, avrebbe visto la luce in pochi anni, forte anche della convinzione dell’inizio dei lavori nei 6 mesi successivi: “Oggi è un altro passo in questo viaggio che ci porterà allo stadio completato e tra 6 mesi inizieranno i lavori. Negli ultimi tempi c’è chi ha lavorato 24 ore al giorno per il dossier presentato oggi, sarò molto felice quando lo stadio aprirà i battenti. I tifosi? Tutto questo sarà qualcosa che resterà a lungo a Roma, non è il Colosseo ma è bello pensare che sarà uno degli edifici più importanti d’Italia e d’Europa. I tifosi saranno felici. Abbiamo un grande progetto, lavoriamo sodo e dietro le quinte abbiamo progetti importanti per i prossimi anni”. Parole che purtroppo poi non hanno trovato conferma nei fatti: ad oggi infatti lo stadio della Roma resta ancora un sogno, e i 6 mesi sperati da Pallotta per l’inizio dei lavori sono diventati nel frattempo 6 anni…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord