Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’editoriale di Costanzo: “Spero non ci siano consiglieri restii a votare la delibera per lo stadio della Roma”

Nel suo editoriale odierno, Maurizio Costanzo ha parlato nuovamente sulla complicata vicenda dello Stadio della Roma

Continuo a pensare al Principe William che ha abbandonato lo stadio inglese dopo la sconfitta, senza salutare il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella. Mi sembra strano, ma evidentemente, suo padre, il Principe Carlonon gli ha insegnato la buona educazione.

È mia convinzione che a guardare le tribune si impara sempre qualcosa. Fatelo anche voi. Gigio Donnarumma, probabilmente, nella Belle Époque il suo nome sarebbe stato di una soubrette. Ma Donnarumma è comunque una grande ballerina che riesce ad acchiappare il pallone da qualunque parte arrivi. Dicono che è il migliore giocatore degli ultimi Europei. Penso proprio che sia vero. 

Non ho capito perché Mourinho e tutto il suo staff è, quasi d’improvviso, passato dalla Vespa alla biciletta. Non vorrei che andando avanti, qualcuno gli porti un monopattino. E allora? Mi dicono (e prendo la notizia per autentica) che ci sono consiglieri comunali in Campidoglio restii a votare la delibera per lo stadio della Roma. Spero che non sia vero, che si tratti soltanto di un pettegolezzo, perché altrimenti se, all’insaputa di tutti, i lettori dei giornali o gli ascoltatori delle radio, approvassero una delibera per non eleggerli alla prossima tornata elettorale?

Si legge sul Corriere dello Sport

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa