Resta in contatto

Rassegna Stampa

Terzo test: Mourinho vuole risposte vere

Mourinho

Oggi la Roma affronterà in amichevole la Triestina, ma Mourinho vuole vedere in campo i primi frutti del lavoro

Terza amichevole per la Roma, quella più attesa perchè finalmente i tifosi la potranno vedere in TV e osservare i primi cambiamenti stagionali. In queste prima due uscite Mourinho ha chiesto ai suoi di alzare i ritmi e giocare all’attacco. Sarà la prima trasferta stagionale con la Roma che alle 10 prenderà un charter da Fiumicino in direzione Trieste. 

Il fischio di inizio contro la Triestina alle ore 19.30. L’unico acquisto presente è Rui Patricio che è a Trigoria da due giorni. Difficile vederlo in campo con così pochi allenamenti. Andrà in panchina come Veretout che è da poco guarito dall’infortunio. In porta Fuzato, la difesa potrebbe avere titolari KarsdorpManciniSmalling e Tripi ancora una volta adattato come terzino visti gli infortuni di Spinazzola e Calafiori.

A centrocampo 5 giocatori per due posti: Villar e Diawara i favoriti per partire dall’inizio. Poi sarà staffetta con Veretout, Darboe e BoveElogi in allenamento per gli ultimi due così come arrivano per Zalewski.

Stasera il talento romanista lascerà spazio a Pellegrini affiancato da Zaniolo e Mkhitaryan alle spalle di DzekoMourinho si aspetta passi in avanti sul piano del gioco, ma soprattutto anche a livello fisico. Domenica la partita contro il Debrecen e poi si inizia a fare sul serio in Portogallo.

Si legge sul Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa